Pista ciclabile, è polemica tra Comune e Regione sull’esposto di De Corato. Sala: svolta negativa dei rapporti. Fontana: iniziativa a titolo personale, non impegna la Regione.

596
Operai al lavoro per verniciatura segnaletica orizzontale pista ciclabile sul Corso Buenos Aires, 20 Maggio 2020, ANSA/Andrea Fasani

“Se siamo arrivati a questo punto ne prendo atto, ma è evidente che ciò rappresenta una svolta profondamente negativa nella relazione fra Regione e Comune”.

Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, sulla sua pagina Facebook ha parlato dell’esposto contro la nuova pista ciclabile realizzata dal Comune presentato dall’assessore alla Sicurezza di Regione Lombardia, Riccardo De Corato.

“Oggi un assessore di Regione Lombardia ha reso noto di aver presentato alla Procura della Repubblica di Milano un esposto sulla pista ciclabile di corso Venezia e corso Buenos Aires – ha scritto ancora Sala -. Suppongo che prima di agire con una modalità così anomala abbia avvisato il presidente Fontana”.

“Stamattina in qualità di assessore regionale alla Sicurezza stradale, ho presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Milano per segnalare la vicenda della pista ciclabile realizzata in parte di corso Venezia e corso Buenos Aires dal Comune di Milano. Questo esposto è stato fatto affinché la Magistratura verifichi se sussistono i requisiti come l’ordinanza e le planimetrie, che a nostro avviso mancano, per modificare la viabilità del tratto stradale preso in considerazione” spiega De Corato in una nota. (ANSA).

Regione Lombardia, in merito alla presentazione di un esposto sulla nuova pista ciclabile nel
centro di Milano, precisa in una Nota “che l’iniziativa non è frutto della Giunta regionale e del suo presidente Attilio Fontana”. “Tale azione dunque – conclude la Nota – va ricondotta
a un atto di carattere puramente personale”.