“Lo schema del Decreto Ministeriale per il riparto delle risorse nazionali riguardanti le borse di studio dell’anno 2021 per gli studenti appartenenti a nuclei familiari più bisognosi penalizzano in maniera pesante e inaccettabile la Lombardia”. Lo dice l’assessore regionale al Bilancio e Finanze, Davide Caparini, in vista della Conferenza Stato-Regioni che domani esaminerà il provvedimento.

“Ancora una volta – prosegue Caparini – il Ministero dell’Istruzione sbaglia. E sbaglia, nel merito presentando un fondo che è un terzo di quello necessario a soddisfare le necessità e nel metodo presentando un provvedimento all’ultimo istante utile”.

 

“Mi auguro che ci sia un ravvedimento dell’ultima ora. E’ importante sottolineare, infatti, che in Lombardia – prosegue l’assessore – ci sono state più di 50.000 domande per borse di studio per l’anno scolastico e formativo in corso. Più del doppio di quelle erroneamente previste dal Ministero dell’Istruzione (solo 20.109 studenti). Una differenza che ha suscitato lo sdegno e sollevato la vibrante protesta delle tante famiglie lombarde meno abbienti escluse. Abbiamo posto rimedio in prima persona utilizzando risorse autonome per oltre 9 milioni di euro nel 2021”.

 

“Da anni, siamo costretti ad affrontare lo stesso problema – spiega ancora Caparini –  per garantire il diritto allo studio universitario in una Lombardia che conta circa 300.000 studenti di cui il 33% proveniente da altre regioni. Ebbene, nonostante Regione Lombardia abbia quadruplicato le risorse autonome a favore degli aventi diritto, sommandole a quelle statali, rimangono senza borsa di studio circa quasi 2 studenti su 10. Tutti universitari bisognosi quanto meritevoli”. (LNews)

Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni