Giornata Mondiale dell’Ambiente, The Fork consiglia 5 ristoranti ecologici.

0
137

Ecologico, biologico, biodinamico sono ormai parole che fanno parte del nostro vocabolario quotidiano, specialmente in questo periodo vista l’imminente Giornata Mondiale dell’Ambiente che si celebra il 5 giugno. Sempre maggiore è l’attenzione che i consumatori dedicano all’impatto ambientale e sostenibile di prodotti e servizi, ancora di più quando si tratta di cibo.

Il settore della ristorazione ha fatto della cucina ecologica un vero e proprio trend del 2020, come aveva rivelato a gennaio scorso una ricerca dei trend hunter di NellyRodi condotta per TheFork. Anche il mondo food si impegna sempre di più per la sostenibilità ambientale, la trasparenza e tracciabilità delle materie prime, ad esempio con tecnologie che monitorano il food waste in cucina o con il riutilizzo di scarti alimentari.

Quest’ultimo è il caso di un ristorante di Toronto, ImPerfect Fresh Eats, come racconta un articolo di Trendhunter: qui i piatti vengono creati con gli scarti alimentari, ignorandone le superficiali imperfezioni estetiche.

Un altro affascinante esempio di come il settore food si stia evolvendo verso una maggiore sostenibilità è sicuramente il caso della start up americana Stixfresh che sta realizzando degli sticker capaci di preservare più a lungo la freschezza degli alimenti. Si tratta di un vero e proprio adesivo fatto completamente con ingredienti naturali che permette alla frutta di durare di più nelle nostre case, riducendone così drasticamente lo spreco domestico.

Ecco allora una selezione dei ristoranti con cucina ecologica su TheFork:

7Cereali Bio Ristorante Pizzeria Gourmet, Roma

“La natura in cucina” è la filosofia di questo locale di Roma. Qui il piatto forte è ovviamente la pizza: l’impasto ai sette cereali è ottenuto solo da farine biologiche molate a pietra e con lievitazioni lunghe di almeno 72 ore. Le materie prime utilizzate in questo ristorante sono tutte biologiche, biodinamiche e a km0 favorendo quindi la cosiddetta filiera corta.

Selezione Naturale, Torino

Da Selezione Naturale a Torino gusterete 100% cibo vegetariano e vegano. Le materie utilizzate in cucina sono tutte italiane e preferibilmente acquistate a km0 dai contadini locali. Oltre alle proposte vegane, il menù vanta molti piatti gluten free.

Agriturismo Il Casale delle Ginestre, provincia di Roma

Un vero e proprio agriturismo ecosostenibile: qui l’attenzione alla natura è tutto. Una location mozzafiato – alimentata in parte da energia solare – e una cucina dai sapori mediterranei e a km0. Qui si usano solo materie prime autoprodotte – come la pasta fresca fatta con le uova delle loro galline – oppure acquistate da produttori locali.

Bio’s Kitchen, Bologna

Bio’s Kitchen nasce 25 anni fa con una missione ben precisa: promuovere uno stile alimentare sano ma soprattutto consapevole e in armonia con la natura. La materia prima proviene interamente da produttori conosciuti che garantiscono una filiera tracciata. I piatti vengono cucinati cercando di mantenere il più possibile le qualità nutritive dei prodotti utilizzati.

Gli Orti del Belvedere, Milano

Nella zona di Porta Romana a Milano, Gli Orti del Belvedere è una vera e propria oasi urbana. Qui l’attenzione alla stagionalità e alla provenienza della materia prima sono all’ordine del giorno. L’impiego di ricette della tradizione è coniugato alla volontà di non alterare le proprietà organolettiche dei prodotti utilizzati, così da ottenere piatti pieni di sapore e sani.

Agriturismo La Degusteria Bio Ristorante, provincia di Pistoia

A La Degusteria potrete assaporare le materie prime prodotte dall’Azienda Agricola La Terrapeutica, immersi nella natura. Qui le verdure biologiche si coltivano con la tecnica dell’orto sinergico. Di loro produzione sono anche l’olio – spremuto a freddo da olive coltivate in modo naturale – il pane e la pasta, prodotti con farine ottenute da grani antichi.

La Capannina Sul Lago, provincia di Firenze

Un luogo immerso nella natura a Certaldo, sulle sponde del Lago Tivolese, ideale per una gita fuori porta nella provincia di Firenze. Qui il menù è fatto interamente di piatti della cucina tipica toscana con materie prime di produttori locali se non addirittura a km0.

Humus Bio Bakery Bistrot, Parma

Qualità, tracciabilità, sostenibilità e stagionalità: questi sono i quattro principi fondamentali dell’Hummus Bio Bakery Bistrot di Parma. Il menù qui è arricchito da moltissime proposte vegetariane, vegane e senza allergeni, e naturalmente tutti i piatti sono preparati con materie prima di qualità e biologiche. Da provare anche i prodotti del loro forno, realizzati con le migliori farine e lievito madre.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here