Coronavirus e digital events, quali scenari.

0
308

La pandemia da Coronavirus ha imposto nuove regole di socialità e sicurezza, danneggiando fortemente anche il settore degli eventi. In Italia solo i corporate events promossi dalle aziende private generano un mercato di 900 milioni di euro all’anno, mentre la cancellazione e il posticipo di appuntamenti storici e fiere internazionali come MIDO, Cosmoprof o il Salone del Mobile, comporta la perdita di un giro di affari complessivo di circa 60 miliardi di euro.

Lo stop temporaneo delle manifestazioni aperte al pubblico ha però aperto nuovi scenari per lo sviluppo di modelli innovativi di comunicazione ed event management. In un contesto di socialità in evoluzione continua, l’agenzia di eventi Say What ha esplorato nuove opportunità per guidare i brand nella realizzazione di eventi virtuali che consentano di presentare prodotti e servizi in modo inedito, amplificando le modalità di interazione e di fruizione dei partecipanti grazie all’enorme potenziale della digitalizzazione.

L’obiettivo è di fornire alle aziende progetti innovativi basati su un linguaggio digitale, capace di dialogare attivamente con l’utente e di renderlo protagonista nella scoperta dei contenuti. Le piattaforme proposte dall’agenzia prevedono modalità di erogazione di contenuti personalizzabili che uniscono l’immediatezza della condivisione digitale al fascino di un’esperienza di intrattenimento realizzata su misura.

Un modello ecosostenibile e vantaggioso nei costi di organizzazione, che, oltre ad essere funzionale nel periodo di limitazioni e restrizioni attuali, si dimostrerà valido per affiancare le aziende anche a emergenza conclusa, consentendo loro di fare un decisivo e indispensabile passo in avanti verso il mondo digitale.

L’attivazione di una solida rete di collaborazione con oltre 100 professionisti specializzati in regia, grafica, animazione 3D, realtà aumentata/virtuale, motion design, consente a Say What di personalizzare ogni progetto di live communication sulla base delle esigenze comunicative e commerciali di singole aziende o associazioni.

Dall’automotive al design, dal fashion fino all’elettronica, le soluzioni ideate da Say What sono adattabili ad ogni settore di business e permettono di organizzare virtualmente conferenze stampa, convegni, fiere, saloni, test drive, workshop, press day, live show, sfilate e lanci di prodotto. Nuove tipologie di eventi che, grazie alle componenti di alto livello tecnologico e creatività messe in gioco, arricchiscono il valore dell’esperienza e sono capaci di azzerare le distanze.

Il modello flessibile pensato da Say What può utilizzare un hub fisico o virtuale come main stage, personalizzabile con sofisticate applicazioni che permettono all’utente di interagire con lo spazio digitale e di esplorarne tutti contenuti. I format di eventi virtuali possono essere modulati su diverse soluzioni di broadcast streaming -in diretta come live show, in differita o in forma ibrida– e avvalersi di avatar e ospiti presenti in loco o collegati in remoto per facilitare le relazioni fra i partecipanti e la condivisione a pubblici ampi e diversificati.

 

About Say What?

Say What? è un’agenzia di comunicazione che opera da oltre vent’anni a Milano, Roma, Londra, New York nei settori Strategic Planning, Event Marketing e Media Relations: alle competenze e all’esperienza pluriennale nel settore si aggiunge la capacità di aprirsi sempre a nuove aree di servizi al Cliente. www.saywhat.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here