Menotti in Sormani, gli appuntamenti della settimana.

69

18 luglio ore 19.3
ARIANNA SCOMMEGNA
Un albero di 30 piani

Un reading di letture e canzoni sul tema della natura. Poesie, racconti, canti e riflessioni che invitano a prendersi cura della madre Terra, degli alberi. L’albero, con le radici per terra e la testa verso il cielo, è l’immagine che ricorre in queste parole, accompagnandoci attraverso un viaggio allegro, ironico, ecologico, poetico. Parole che si scolpiscono nella mente come la poesia si scolpisce nell’anima. Da Pablo Neruda a Mariangela Gualtieri, da Italo Calvino a Papa Francesco, questo reading nasce dalla necessità di dare voce a chi ci ricorda che la natura, l’ambiente, il nostro pianeta hanno bisogno di attenzione, protezione, amore. Un vero e proprio canto d’amore alla Terra.

19 luglio ore 19.30 
CARLOTTA PROIETTI
GIANLUIGI FOGACCI

The Prudes

 

La spinosa questione dei rapporti di coppia raccontata da Nielson, esponente di spicco della drammaturgia britannica contemporanea e in particolare del movimento chiamato “In your face theatre “, mira ad abbattere la cosiddetta quarta parete che separa gli attori dagli spettatori. Il teatro e gli spettatori non sono solo un luogo di aggregazione sociale e testimoni di una rappresentazione, ma diventano parte attiva, sono essi stessi parte di questa soluzione, almeno nelle intenzioni dei protagonisti. Una coppia si presenta sul palcoscenico di un teatro pieno per inscenare o vivere il suo dramma di coppia come una seduta terapeutica collettiva. Inizia un gioco al massacro, dove emergono vecchie ruggini, cose non dette che feriscono, travestimenti e colpi di scena che fanno dubitare dell’autenticità dei personaggi. E se fossero due attori che cercano nuove ispirazioni attraverso un anomalo materiale drammaturgico, guidati da un’invisibile regia? E che ruolo ha il pubblico che viene continuamente coinvolto?

20 luglio ore 19.30

PAOLA GIORGI
D la principessa Diana e la palpebra di Dio

A 25 anni dalla morte della Principessa del popolo, lo spettacolo racconta l’icona di Lady Diana Spencer nelle sue vicende umane, esistenziali e sociali, dando voce alla sua figura in una sorta di memoriale post-mortem in cui la Principessa, ripensando alla propria vita, narra di sé, dei suoi amori e dolori, dei suoi affetti più cari perduti. Nel monologo, Lady D. dialoga con voci che sente giungere dal regno dei vivi: quelle dei due figli William e Henry, quella della Regina Elisabetta, quella del suo ex-consorte Carlo. Lo spettacolo restituisce un ritratto fiabesco e psicologico di una delle donne più amate, controverse e celebri del Novecento. Un ritratto dal sapore “neo-shakespeariano”, che getta una luce originale e

 

21 e 22 luglio ore 19.30
SCENA VERTICALE
Aspettiamo senza aver paura domani

Un concerto spettacolo dedicato all’indimenticabile Lucio Dalla, un viaggio alla scoperta della sua musica, della profondità dei suoi testi, dei significati nascosti nella sua opera. Canzoni cantate e recitate, riflessioni sulla musica, aneddoti sulla vita artistica di Dalla e di tanti artisti del panorama musicale italiano. In una sua intervista al Corriere della Sera nel 2002, Lucio diceva: “Tutti i testi delle mie canzoni sono sempre piccoli racconti, ipotesi di sceneggiature”. Da qui nasce l’idea di unire la forma canzone con la parola, con l’arte di teatralizzarla, cercando di creare uno spettacolo dove le canzoni del genio bolognese arrivino sotto forma di racconto, un racconto orizzontale, come se fosse un film, come se p

 23 luglio ore 19.30

OTTETTO DI FIATI DELL’ORCHESTRA DELL’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO
Le opere di Wolfgang Amadeus Mozart e l’Harmoniemusik

Fondata nel 2000 l’Orchestra dell’Università degli Studi di Milano (Orchestra UniMi) si è negli anni distinta sia per la peculiarità del suo progetto nella realtà universitaria italiana sia per l’attività di divulgazione in quella musicale cittadina. Una serata che l’Ottetto di fiati dell’Orchestra UniMi dedica alle trascrizioni delle Opere di W. A. Mozart per Harmonie, una formazione composta da strumenti a fiato molto in voga tra 1780-1830. Compositori come Haydn, Mozart e Beethoven scrissero musiche originali per questo organico, ma era prassi che per Harmonie venissero arrangiate opere, balletti, composizioni orchestrali o altre musiche da camera.

24 luglio ore 20.00

ANTONIO PERRETTA
Antonio
vita di un guitto

Antonio è un monologo biografico che attraversa la storia delle famiglie dell’autore in alcuni dei momenti più significativi delle loro vite, vissute tra Sessa Aurunca e Caserta. Al Sud spesso è tradizione far battezzare i bambini con i nomi dei nonni. In questo caso però, nonostante il nonno paterno si chiamasse Antonio, il nome è stato dato soprattutto in onore di Totò.

Si parla del teatro, della sua evoluzione, di quello che è diventato oggi, di quello che ha perso e di ciò che dovrebbe essere, a partire dalle teorie dei filosofi greci. Si parla di tempi che non esistono più, di contadini, della terra, dei paesi di campagna, di attori, di nonni e di padri, di Milano e di teatro. Uno spettacolo coinvolgente e divertente messo in scena da un attore giovane e di talento.