La via del bene, una serata dedicata a Padre Giuseppe Ambrosoli, venerdì 14 a Como.

226

Una serata dedicata a Padre Giuseppe Ambrosoli dal titolo “La via del bene” è il primo evento con cui la Fondazione Ambrosoli inizia il percorso di iniziative che porterà alle celebrazioni della Beatificazione di Padre Giuseppe Ambrosoli. Un incontro aperto al pubblico che ripercorrerà attraverso testimonianze la storia e la figura di Padre Giuseppe i valori, gli insegnamenti e la sua eredità: l’ospedale di Kalongo e la Scuola di ostetricia.

 

La via del bene

Una serata dedicata a Padre Giuseppe Ambrosoli

14 ottobre 2022, ore 20.30-22.00

Biblioteca Comunale – Sala conferenze Paolo Borsellino

Piazzetta Venosto Lucati, 1 – Como

Intervengono:

Giovanna Ambrosoli, Presidente Fondazione Ambrosoli

Giuliano Rizzardini (Direttore malattie Infettive Ospedale Sacco) e sua moglie Beatrice Giordani

Padre Egidio Tocalli, medico e missionario Comboniano

Franco Ronconi, Presidente Azione Cattolica Como

Don Sandro Vanoli, parroco di Ronago

Modera l’incontro Paolo Bustaffa

Il dottor Ambrosoli è stato un grande chirurgo e per tanti, come per il dottor Giuliano Rizzardini, un maestro, ma ciò che più lo ha caratterizzato sono state la sua semplicità e la sua umiltà. Ha vissuto il suo lavoro di medico come preghiera e come testimonianza di fede. “Quello che subito mi ha colpito di padre Giuseppe è stato il suo sguardo buono. Di ricordi con Beatrice, mia moglie, ne abbiamo tanti, ma quello che ci accompagna ancora oggi è la sua capacità di essere sempre presente: con me e mia moglie, e poi con Barbara, nostra figlia che è nata a Kalongo tra le sue braccia, con tutti gli altri medici e gli espatriati italiani, con i suoi confratelli e le sue consorelle con tutto il personale dell’ospedale e, soprattutto con i SUOI ammalati”, questo il ricordo di Giuliano Rizzardini che, insieme alla moglie, ha avuto modo di conoscere padre Giuseppe e di stargli a fianco durante il momento più drammatico che ha colpito Kalongo e l’Uganda, la guerra civile. Il loro racconto insieme a quello di Giovanna Ambrosoli, Presidente della Fondazione Ambrosoli, e di tanti altri ospiti ci condurrà nel viaggio che Padre Giuseppe ha tracciato da Ronago a Kalongo e che ancora oggi rimane vivo grazie a quanti credono nella sua opera.

 

“Abbiamo voluto come primo appuntamento organizzare un incontro ‘aperto alla comunità’ perché chiunque abbia il desiderio di conoscere e ricordare Padre Giuseppe e la sua opera possa farlo nel modo più semplice possibile: ‘conversando fra amici’, proprio come Padre Ambrosoli avrebbe voluto. E in questa serata lo faremo grazie alle testimonianze di chi lo ha conosciuto o chi lo ha seguito nel suo percorso di uomo, medico e missionario.  – dichiara Giovanna Ambrosoli, Presidente, Fondazione Ambrosoli – “Durante l’incontro faremo vedere in anteprima il video documentario sulla storia e la vita di Padre Giuseppe che come Fondazione abbiamo voluto realizzare per queste celebrazioni cercando di cogliere quegli aspetti più personali e profondi che sono testimonianza di una vita pienamente vissuta al servizio degli altri”

 

Padre Ambrosoli ha testimoniato con la sua vita il significato della parola ‘servizio. E’ partito dalla sua comunità, la nostra comunità, mettendosi a disposizione del suo prossimo con passione ed abnegazione. Con lo stesso spirito ha operato in Africa, cambiando la vita a migliaia di persone. La sua Beatificazione è motivo di orgoglio per la nostra comunità così che l’Amministrazione comunale ospiterà il prossimo 14 ottobre un momento di incontro sulla figura di Padre Ambrosoli ed il suo operato in Uganda dalla Scuola di Ostetricia all’Ospedale di Kalongo. Il momento più inclusivo cadrà in concomitanza con il periodo Natalizio e la sua beatificazione dove nello spazio del Broletto, luogo simbolo della vita cittadina, verrà allestita una mostra fotografica dedicata all’operato di Padre Ambrosoli. Saranno giorni intensi per la nostra comunità. L’Amministrazione c’è e ci sarà – conclude Enrico Colombo, Assessore alla Cultura del Comune di Como