L’appello dei Giovani Imprenditori di Assolombarda: “Il futuro è adesso. Non sprechiamo le opportunità offerte dall’Europa: è un atto di responsabilità verso i giovani”.

0
251
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

Si è svolta oggi l’Assemblea annuale del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda. Il titolo scelto per l’evento, “Futuro imperfetto”, richiama l’attenzione alle questioni che le giovani generazioni affrontano nel presente e che interessano le loro prospettive future: gli effetti negativi della pandemia sul mercato del lavoro, le politiche di occupabilità e le opportunità di carriera.

Sono intervenuti all’Assemblea Alessandro Spada, Presidente di Assolombarda, Paul Renda, Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda: Alec Ross, esperto di politiche tecnologiche; Ernesto Galli della Loggia, storico; Umberto Malesci, AD Fluidmesh Networks; Giorgio Morelli, AD WeStudents; Giada Zhang, AD Mulan Group; Marina Rogato, Sherpa Women20 Italy; Ferruccio Resta, Rettore Politecnico di Milano.

“Investire sui giovani significa investire sul nostro futuro  – ha dichiarato Alessandro Spada, Presidente di Assolombarda -. Serve un’operazione fiducia per contrastare il trend della pandemia, i cui effetti rischiano di ripercuotersi per i prossimi 15 anni su coloro che oggi si apprestano a trovare un impiego. Dobbiamo prepararci all’uscita da questa situazione di crisi rafforzando  il dialogo e la collaborazione tra le imprese e il sistema educativo per colmare il gap tra le competenze degli studenti e quelle richieste dalle aziende, a vantaggio sia dell’occupabilità dei giovani sia della competitività delle imprese. In Lombardia possiamo già contare su un eccellente sistema universitario, in cima alle classifiche internazionali. In questa direzione il Next Generation EU ci dà l’occasione di investire importanti risorse sul futuro dei giovani e nella formazione, la vera infrastruttura sociale. Senza dimenticare l’importanza degli Istituti Tecnici Superiori che proprio per lo stretto collegamento con il sistema delle imprese e con il mondo del lavoro rappresentano un elemento chiave per dare risposta alla domanda di competenze qualificate ad alto contenuto innovativo”.

“La pandemia Covid ha aggravato lo scenario occupazionale giovanile – ha dichiarato Paul Renda, Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda -. Gli under 35 risultano ora più scoraggiati che mai nella ricerca di un impiego, con i NEET che salgono in Italia al 19,4% nel secondo trimestre 2020. Per contrastare questo scenario serve ripartire da un tavolo condiviso con le istituzioni per rendere insieme il nostro territorio un luogo attrattivo per il futuro dei giovani, attraverso politiche di ritorno che stimolino gli investimenti e il mercato del lavoro. A cominciare dalla semplificazione del riconoscimento dei titoli di studio conseguiti all’estero, un incentivo a costo zero e di facile applicazione che favorirebbe il rientro di tanti giovani. In questa direzione occorre stipulare accordi tra Paesi per agevolare le pratiche di rilascio dei documenti, oltre per esempio ad assegnare punteggi aggiuntivi ai candidati che hanno maturato esperienze lavorative o di studio all’estero, in occasione di concorsi pubblici. Oltre a questo, è di fondamentale importanza una gestione attenta e lungimirante dei fondi europei. Infatti, il Recovery plan sancirà le sorti della nostra generazione e di quelle future: siamo di fronte a un’occasione unica per migliorare il Paese attraverso interventi strutturali e investimenti. Non sprechiamo questa opportunità, è un atto di responsabilità verso i giovani, verso l’Italia di oggi e di domani”.

Uno dei temi principali emersi nel corso dell’Assemblea riguarda le imprese giovanili, possedute o controllate da under 35.

Dal 2019 a Milano se ne contano poco più di 24mila, pari al 7,9% del totale delle imprese. Dal 2016 risultano in continuo calo nella città metropolitana e, in misura più sostenuta, a livello lombardo e italiano: -1,0% a Milano nel 2019 rispetto al 2018, -2,0% in Lombardia e -2,7% in Italia.

Un  calo in contrasto con la vitalità imprenditoriale della città: che vede, invece, crescere del +1% il numero delle imprese complessive superando nel 2019 le 306mila unità (erano 303mila nel 2018).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here