Musica al Tempio, sabato 10 con l’Orchestra della Bicocca.

Tempio Valdese – Milano

sabato 10/06/2023 ore 20:30

Yulia Berinskaya, Elisa Marchetto e Giulia Sanguinetti con l’Orchestra dell’Università degli studi di Milano-Bicocca diretta da YakovZats

Masseria Roberti produzione e vendita online di pasta con farina Senatore Cappelli, conserve di pomodoro bio, farine e semole, sott'oli e confetture

Musiche di BrucheBrahms per due solisti e orchestra

 

La violinista Yulia Berinskaya, la violista Elisa Marchetto e la violoncellista Giulia Sanguinetti, con l’Orchestra dell’Università degli studi di Milano-Bicocca diretta da YakovZats sono i protagonisti dell’ultimo appuntamento della decima stagione di  Musica al Tempio

Concertisti

Yulia Berinskaya (violino) con i solisti del “Progetto Bottega”

‍Elisa Marchetto (‍viola)

Giulia Sanguinetti (‍violoncello)

Orchestra dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca

direttore IakovZats

 

Programma

MaxBruch

Doppio concerto in mi minore per violino, viola e orchestra, op. 88

Andante con moto

Allegro moderato

Allegro molto

 

Johannes Brahms

Doppio concerto in la minore per violino, violoncello e orchestra, op. 102

Allegro

Andante

Vivace non troppo

 

 

 

Sabato 10/06/2023 ore 20:30 – Tempio Valdese – via Francesco Sforza, 12/A

Ingresso a offerta libera

La decima stagione di Musica al Tempio (quindici concerti da ottobre 2022 a giugno 2023), ideata da Mimma Guastoni e organizzata dall’ Associazione Musica al Tempio riconferma i principi cardine dell’Associazione: la valorizzazione di nuovi talenti, l’attenzione rivolta ai repertori rari, la condivisione, l’approfondimento del grande repertorio e la formazione.

Tutti gli eventi si svolgono di sabato alle 20.30 e hanno come sede il Tempio Valdese di Milano, in via Francesco Sforza 12/Ainfo@musicaaltempio.it

L’ingresso è a offerta libera.

L’Orchestra dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca è nata nel 2009 come orchestra amatoriale, su iniziativa di studenti, professori, e con il patrocinio del Magnifico Rettore. Fin dalla sua fondazione, continua ad accogliere nelle sue fila studenti e docenti, dipendenti dell’Università ed ex alunni, studenti Erasmus e coloro che, legati indirettamente all’Ateneo o al territorio, desiderano dare il proprio contributo musicale ed umano. Il repertorio spazia dalla musica barocca a quella sinfonica, dalla musica contemporanea al Jazz.

L’orchestra riveste un ruolo di aggregazione all’interno dell’Ateneo e vuole essere punto di incontro culturale trasversale alle diverse aree disciplinari e ai diversi ruoli sociali e professionali delle persone che vi partecipano. Intende valorizzare le competenze individuali legate alla capacità di ascolto e all’empatia, facendo della musica d’insieme un’occasione per sperimentare la convivenza di specificità e coesione, di espressività e di metodo.

L’orchestra comprende sezioni di strumenti ad arco (violini, viole, violoncelli, contrabbasso) e strumenti a fiato (principalmente flauti e oboi), e accoglie altri strumentisti (ad esempio alla tromba o al piano) per collaborare a particolari brani o eventi. La programmazione artistica viene progettata ogni anno accademico in modo da valorizzare l’organico disponibile. Costituisce una opportunità di arricchimento culturale per coloro che, pur avendo intrapreso un corso di studi o una strada professionale in ambito diverso da quello artistico, sanno suonare uno strumento e

coltivano l’interesse di condividere con altri il piacere di fare buona musica d’insieme e di sperimentare il sottile equilibrio tra capacità di ascolto e espressività.

Fin dalla sua nascita, l’Orchestra dell’Università di Milano-Bicocca ha svolto attività musicale ad ampio spettro, spaziando dal repertorio barocco a brani di Bartok, Gershwin e di musicisti contemporanei, fino ad affiancare all’aspetto cameristico e sinfonico lo studio dei meccanismi fondamentali dell’improvvisazione jazz. La guida tecnica ed artistica dei maestri che si sono affiancati nella conduzione dell’organico è sempre stata attenta alla crescita delle capacità tecniche ed espressive dei componenti, della loro sensibilità musicale e della conoscenza delle realtà culturali espresse dal repertorio affrontato. L’attività concertistica dell’orchestra comprende

sia la partecipazione a eventi e cerimonie dell’Ateneo (inaugurazioni di attività accademiche e cerimonie per il conferimento di premi di Laurea) sia la partecipazione a progetti promossi da strutture dell’Ateneo in collaborazione con enti, istituzione e Comuni del territorio. Oltre che nell’ambito territoriale della Bicocca e più in generale milanese, è attiva anche a livello nazionale, grazie alla collaborazione con altre orchestre amatoriali e alla partecipazione a festival musicali.

Dal 2018 l’orchestra è diretta dal M° IakovZats.

 

IakovZats – direttore

IakovZats è nato a Mosca. Frequenta l’Istituto per bambini prodigio del Conservatorio di Mosca, dove si diploma in viola e successivamente consegue il dottorato in quartetto.

Nel 1990 inizia una carriera concertistica che lo porta ad esibirsi come solista e in gruppi da camera in Russia, Inghilterra, Francia, Germania, Italia e Stati Uniti. Nel 1992 assume la direzione artistica del noto ensemble Nuova Orchestra da Camera di Mosca.

Nel 1994 lascia la Russia e si trasferisce in Italia. dove da allora è ospite abituale di stagioni concertistiche a Milano, Palermo, Roma, Verona e altre città.

Nel 2006 rivisita la Sonata op.28 di Ysaye, curando la prima edizione per viola sola, pubblicata da White Prince Edition. Questa Sonata diventa a pieno diritto uno dei pezzi di più alto virtuosismo nel repertorio violistico. Per la stessa casa editrice, cura la versione per viola e pianoforte delle DreiRomanzen di Schumann op.94, recentemente presentata al Kingsplace di Londra.

Aperto a tutti i generi musicali, collabora come prima viola con alcuni dei più noti direttori della tradizione musicale europea, tra cui Bernard Haitink, Riccardo Muti, George Prêtre, Carlo Maria Giulini, e con varie orchestre, quali I Solisti di Mosca di Yuri Bashmet, l’Orchestra Sinfonica G. Verdi di Milano, l’Orchestra dell’Arena di Verona , l’Orchestra Filarmonica Toscanini di Parma. Nel 2000 Claudio Abbado lo invita a prendere parte alla Mahler Chamber Orchestra. Nel 2011 partecipa come prima viola a due tournée europee del LondonPhilharmonic Orchestra, diretta da

Vladimir Jurowski. Tiene masterclass in Italia, Spagna, Repubblica Ceca, Croazia.

 

Yulia Berinskaya – violino

“…la purezza del suono che sgorgava dal violino è stato qualcosa di sublime, che sommato al virtuosismo espresso nelle cadenze solistiche ha reso giusta testimonianza alle straordinarie doti di questa artista …”

Yulia nasce nell’arte e nella musica.; il suo precoce talento viene presto colto dal padre SergeyBerinsky, tra i maggiori compositori moscoviti del ‘900, che la avvia allo studio del violino.

La sua formazione e le sue straordinarie potenzialità musicali, vengono accolte e coltivate da Artisti di fama internazionale, quali E. Tchugaeva e V. Tretiakov, Quartetto Borodin, Trio di Mosca che hanno accompagnato Yulia verso la laurea con lode al Conservatorio Tchaikovsky di Mosca.

Invitata in Europa, si perfeziona poi presso la HochschulefurMusik di Vienna sotto la guida di D. Schwarzberg.

Si apre davanti a lei una carriera brillantissima, come solista, camerista e didatta, apprezzatissima in Italia e all’estero: Olanda, Svizzera, Francia, Germania, ex Jugoslavia, USA, Israele, Russia. I recital appresentano il suo essere artista poliedrica, dove il virtuosismo accompagna gli stili più diversi. Vanta prestigiose collaborazioni con alcune Orchestre: Orchestra Verdi di Milano, Orchestra del Conservatorio di Milano, Orchestra Amadeus di Mosca, Orchestra La Filarmonica di Sverdlovsk, I Musici di Parma. Appassionata camerista, è invitata in alcuni tra i maggiori Festival italiani ed europei; si affianca ad Artisti tra cui: S. Krilov, Y, Bashmet, D. Cohen, V. Mendelssohn, F. Lips.

Tiene regolarmente Masterclass a Mendrisio (Svizzera)Timisoara (Romania), Rodos (Grecia), Mulin de Andèe (Francia), Portogruaro (Italia), Cividale (Italia), Val Tidone Festival (Italia), Salsomaggiore (Italia), Cantù (Italia), Venezia (Italia); ha inoltre fondato la classe di Alto perfezionamento di violino presso l’Accademia Milano Music Masterschool ed è regolarmente membro di giuria in Concorsi Internazionali di violino. Ha ricoperto il ruolo di Primo violino di Spalla presso le seguenti Istituzioni orchestrali: Teatro San Carlo di Napoli, Orchestra Verdi di Milano, Orchestra Haydn di Trento e Bolzano, Orchestra Earl (Austria), Teatro La Fenice di Venezia, Orchestra Filarmonica di Lubiana.

Incide per le etichette discografiche: Koch Records (Germania), Gramsapis e ArtClassic (Russia), SonArt Studio, Suonare News, ClassicaViva, LimenMusic (Italia). Incide Violin in Red , Violin in Blue, Violin in White e Violin in Bach. Con Limen è uscito il doppio cofanetto cd e dvd live “BEaR in Sky” – Unconditional Music. È in stampa il suo ultimo lavoro discografico “Sturm und drang” e work in progress l’integrale delle Sonate di L. van Beethoven con l’etichetta ClassicaViva. Le sue incisioni sono regolarmente trasmesse da Radio vaticana, Radio Classica, Radio della Svizzera Italiana.

Suona un violino di Carlo Bergonzi del 1746.

 

Giulia Sanguinetti – violoncello

Giulia Sanguinetti ha conseguito il diploma accademico di primo livello in violoncello presso il Conservatorio di musica “S. Cecilia” di Roma con il massimo dei voti e la lode, il Biennio

superiore presso il Conservatorio di musica “G. Verdi” di Milano con il massimo dei voti; in

seguito ha frequentato nell’anno 2021 il corso di violoncello presso l’Accademia musicale Chigiana nella classe del M° Antonio Meneses.

Attualmente frequenta il biennio superiore in Musica da camera presso il conservatorio “Monteverdi” di Cremona, sotto la guida della M° Silvia Chiesa.

Ha frequentato masterclass di violoncello e di musica da camera con i maestri Enrico Dindo,Mario Brunello, Luigi Piovano, Enrico Bronzi, Giovanni Gnocchi e Thomas Demenga.

Ha tenuto diversi concerti come solista e in formazioni cameristiche a Parma presso il teatro Farnese, l’auditorium del Carmine e alla Corale Verdi per la rassegna “Pomeriggi in Corale”; a Roma al Museo Napoleonico – per la stagione concertistica di RomaTre Orchestra –, l’Auditorium Morricone per la stagione concertistica di Roma Sinfonietta, la Fondazione Primoli per la rassegna “Note fra i libri”, per la rassegna “I Concerti del Tempietto” e per la stagione “I concerti del Quirinale” con l’ensemble di violoncelli “C3” fondato dalla M° Silvia Chiesa, concerto trasmesso in diretta su Radio3; a Cremona nel prestigioso Auditorium “G. Arvedi”, nel quale ha preso parte alle seguenti rassegne: “Liutai italiani del Novecento nelle collezioni del museo del violino” suonando un violoncello di Marino Capicchioni, della collezione degli strumenti del ‘900 del Museo del Violino; “Aimez-vousBrahms”, progetto dedicato alla musica da camera di Brahms promosso dal Conservatorio “Claudio Monteverdi” di Cremona e per il concerto inaugurale del “XVI Concorso Triennale di Liuteria”, Cremona Fiera – in occasione dell’evento “mondo musica” –, suonando nell’ensemble di violoncelli “C3”, al Teatro Ponchielli, al Museo Civico “Ala Ponzone” e a Palazzo Grasselli per la Società Italiana di Musicologia; a Monza a Palazzo Reale; a Torino per L’Associazione “Opera Munifica”; a Pontedera in occasione del “Pontedera Music Festival”; a Bergamo nella prestigiosa sala Piatti per l’inaugurazione della stagione concertistica 2022 del conservatorio di Bergamo; a Milano, per “Musica al Tempio”, stagione concertistica nella quale ha avuto l’occasione di suonare prendendo parte al Workshop “Progetto Bottega” ideato dalla M° Yulia Berinskaya; per la Stagione concertistica “Primavera di Baggio” fondata dai Maestri Davide Cabassi e Tatiana Larionova e per il ciclo “Concerti al Museo” alla Galleria d’Arte Modena, in collaborazione con “Serate Musicali”; a Viterbo, per la stagione dei concerti 2022/2023 dell’Università della Tuscia.

È docente di Violoncello presso la scuola Civica di Musica G. Prina di Peschiera Borromeo.

 

La decima stagione di Musica al Tempio (quindici concerti da ottobre 2022 a giugno 2023), organizzata dall’Associazione Musica al Tempio e sostenuta con i Fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese, riconferma i principi cardine dell’Associazione: la valorizzazione di nuovi talenti, l’attenzione rivolta ai repertori rari, la condivisione, l’approfondimento del grande repertorio e la formazione.

Tutti gli eventi si svolgono di sabato alle 20.30 e hanno come sede il Tempio Valdese di Milano, in via Francesco Sforza 12/A. info@musicaaltempio.it

L’ingresso è a offerta libera.