La borsa corre sulle speranze di pace.

576
La Borsa di Milano. ANSA / Massimo Lapenda

La Borsa di Milano conferma il buon passo dell’avvio (Ftse Mib +2,54% a 24.074 punti) con il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, che parla di colloqui con la Russia ora più realistici.

A cui fa eco il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, che dice che i colloqui sono difficili ma è possibile un compromesso.

Svettano i bancari con Bper (+3,85%), Intesa Sanpaolo (+4%) e Unicredit (+4,11%), che sta valutando l’uscita dalla Russia.

Nella moda gli acquisti premiano Moncler (+5%). Tra gli industriali sale St (+5,1%). Bene poi Generali (+2,7%) dopo i conti e la presentazione delle liste per il rinnovo del board.

Stabile lo spread tra Btp e Bund a 154 punti base con il rendimento del decennale italiano all’1,9 per cento. (ANSA).