Borsa, giornata in rialzo, spread in calo.

205
La Borsa di Milano. ANSA / Massimo Lapenda

Si conferma positiva Piazza Affari nella prima mezz’ora di scambi, con l’ndice Ftse Mib in crescita dello 0,5% a 23.111 punti.

Stabile a quota 215,1 punti il differenziale tra Btp e Bund decennali tedeschi, sotto il valore di 215,8 punti registrato ieri in chiusura.

In crescita di 3,1 punti il rendimento annuo italiano al 3,156%.

Brillante Unicredit (+1,7%), seguita da Bper (+1,28%) all’indomani della decisione del Tribunale di Genova di respingere il ricorso dei Malacalza sulle delibere assembleari della controllata Carige, il cui Cda potrà così essere operativo per procedere con la fusione tra i due Istituti. Acquisti anche su Interpump (+1,5%), Moncler (+1,35%), Exor (+1,32%), Stellantis (+1,25%), Cnh e Saipem (+1% entrambe). Bene Enel (+0,61%), piatta invece Eni (+0,05%), con il greggio in rialzo (Wti +0,75% a 87,18 dollari al barile), ma sotto quota 90 dollari. Pochi i segni meno, limitati ad A2a (-1,31%), oggetto di prese di beneficio dopo il balzo della vigilia, Tenaris (-0,97%), Buzzi (-0,8%) e Tim (-0,56%). In calo anche Leonardo (-0,33%) e Recordati (-0,28%), mentre tra i titoli a minor capitalizzazione svettano Eprice (+12,78%) e Gas Plus (+7,31%) e scivolano gli immobiliari Brioschi (-2,73%) e Gabetti (–2,22%) (ANSA).