La vanità dei pesci pulitori: in uscita il terzo romanzo di Matteo Monforte.

0
918
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

Dopo Come siamo caduti in basso, Oscar pubblicato nel 2007 al quale ha fatto seguito La Genova male, entrambi editi per Cinaski editori, l’autore Matteo Monforte esce con il suo terzo romanzo giallo La vanità dei pesci pulitori per Fratelli Frilli Editori.

Il protagonista è ancora lo  squattrinato e scapestrato trombettista Martino Rebowsky : ‘Sono molto affezionato a questo terzo capitolo della saga, perché credo che Rebowsky abbia finalmente raggiunto la sua “maturità” romanzesca. E’ cresciuto, ormai è quarantenne, e il suo sbando totale – che lo rende, a dir suo, uno dei 12 uomini più felici del mondo – è all’apice. Se dovessi descrivere in poche parole Martino Rebowsky, lo descriverei come uno che se ne frega. Di tutto e di tutti. E, soprattutto, del giudizio del mondo intero. Per questo è davvero libero. E felice” racconta Monforte.

La vanità dei pesci pulitori corre su due binari paralleli. L’omicidio di una ragazza, subito all’inizio, nel prologo, ma non si sa chi sia la vittima e nemmeno che importanza abbia all’interno della trama e il “giallo” in cui si trova incastrato Martino, ovvero risalire al perché si sia appena svegliato in uno squallido albergo cinese, vestito con una tunica da prete, dopo una notte di bagordi della quale non ha il minimo ricordo.

Quando la personale indagine di Rebowsky, impegnato a ricostruire i pezzi di quella folle notte, e la ragazza uccisa all’inizio si incontrano, il giallo vero e proprio prende il via e Rebowsky si accorge di essere nei guai fino al collo.

Accanto al personaggio di Martino, che nel corso dei tre romanzi è ingrassato, si è spogliato di ogni tipo di timore e si gode quello che può avere giorno per giorno facendo sesso solo con prostitute e accontentandosi del misero stipendio da musicista, Immancabile, come in ogni avventura di Rebowsky, c’è la sua amica Marilù. Eroina naif di questa storia, sempre più radical chic e ficcanaso che mai. Grazie alle sue mille amicizie nel mondo “artistoide” e alle sue conoscenze , avrà un ruolo chiave nello svolgere di questa ennesima e strampalata indagine.

Anche questo romanzo, come i primi due, è caratterizzato da una scrittura ironica, disincantata e provocatrice e a fare da scenario all’intera vicenda è immancabilmente Genova, amata e vissuta dallo stesso autore: ‘Lungi da me pensare di essere un vero scrittore di gialli, sono sempre uno che si prende molto poco sul serio, nella vita come in ciò che scrive. Ovviamente, regina sullo sfondo, c’è la mia Genova. E dico “mia”, proprio perché ho deciso di far muovere Rebowsky nella Genova che frequento io, tra i miei giri, i miei vicoli, i miei locali, bar e ristoranti. Ogni luogo esiste realmente, anche se magari è un po’ mascherato. Ci sono i locali dei miei amici, il mio quartiere dell’infanzia, i posti dove giro abitualmente, quando esco la sera o quando vado a bere un caffè di giorno’ conclude Monforte.

Il libro sarà a disposizione da questa settimana  nelle migliori librerie italiane e verrà presentato giovedì 7 marzo alle ore 18.00 presso La Feltrinelli di Genova. Con l’autore interverrà il giornalista Claudio Cabona. 

‘’Martino Rebowsky è probabilmente uno dei personaggi più sconclusionati e irriverenti con cui ti può capitare di bere una vodka al bancone di un bar dei vicoli di Genova.” (Lorenzo Licalzi)

“Questo romanzo è come un incontro fra De André, Bukowski e il tenente Colombo al bancone di un bar. È l’ironica, disincantata ed imprevedibile ebbrezza della vita.” (Claudio Cabona, Il Secolo XIX)

Vi è mai capitato di svegliarvi da soli, all’improvviso, nella camera di uno squallidissimo albergo ad ore , alle dieci del mattino, vestiti da prete, con la testa che vi esplode, una bottiglia di gin vuota per terra, segni evidenti di sniffate di cocaina sul comodino, un film porno in pausa nello schermo della piccola tv, alcuni preservativi aperti e non avere la minima idea del perché siate finiti lì?

Ecco, a Martino Rebowsky (trombettista grasso, pigro, sfacciato, irritante, ubriacone e misogino) sì.  Toccherà quindi  a lui ricostruire, pezzo per pezzo, quella incredibile nottata di cui non ha il minimo ricordo; solo così potrà riuscire a scoprire che fine ha fatto Camilla, la ragazza che era con lui e della quale nessuno ha più tracce da dopo quella sera.

Come un grasso segugio, Rebowsky  – aiutato dalla sua amica Marilù, metropolitana eroina naif – si mette sulla pista che lo porterà a ricomporre quel surreale puzzle di cui si trova involontariamente tassello. Ed è così che tra musicisti paranoici, scorbutici gestori di locali notturni, ballerine di lap dance, preti dalla dubbia moralità, pusher marocchini, prostitute sudamericane, ricche signore annoiate della Genova “bene”,  artisti dal dubbio talento,  “incensiste” senza arte né parte, ubriaconi corrotti e poeti sgangherati, Martino arriverà a sbrogliare un’intricata matassa di equivoci e fatti strani, fino a quando un cadavere si intrometterà all’improvviso nell’indagine, cambiando tutte le carte in tavola.

 

 

 

 

 

 

Matteo Monforte nasce a Genova nel 1976. Nella vita scrive per la tv e per il teatro. Ha collaborato per dieci anni come autore con Zelig e scritto testi per alcuni tra i più importanti comici del panorama italiano (Maurizio Lastrico, Antonio Ornano, Beppe Braida, Teresa Mannino, i Turbolenti, Enzo Paci, Baz). Ha pubblicato treromanzi: Come siamo caduti in basso, Oscar (Chinaski edizioni), La Genova male (Chinaski edizioni), Prendo la sciarpa e arrivo da te (Grandi e associati)

 

Instagram @mattemonfo

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here