Realizza un sito web ecommerce di successo - Kynetic web agency a Salerno e Milano

L’Olimpia guida Gara 1 praticamente sempre, ma non riesce a mettere al tappeto Venezia, squadra tradizionalmente indomita. Nel finale, si ritrova sotto di uno, ma estrae dal cilindro prima un gioco da tre punti di Kyle Hines, poi una grande penetrazione con la quale Shavon Shields ha firmato il canestro della vittoria a 1.7 secondi dalla fine, con cui ha timbrato una prova da 25 punti con 9/11 dal campo. Milano ha centrato 11 triple, ha controllato bene i rimbalzi difensivi (nove di Hines) e distribuito 17 assist, guidando anche con 12 punti di margine, ma qualche palla persa nel quarto conclusivo ha generato la rimonta della Reyer, anch’essa ispirata dall’arco (11/25). 81-79 il finale. L’Olimpia guida la serie 2-1, lunedì 24 maggio (alle 20.45), sempre a Milano, c’è Gara 2.

IL PRIMO QUARTO – La partita comincia con percentuali basse da ambo le parti. L’Olimpia allunga sul 6-2 con quattro punti consecutivi di Kevin Punter. Lui e Shavon Shields segnano i primi 12 punti di Milano, ma la Reyer rimane incollata, prima con un gioco da tre di Stefano Tonut poi una tripla di Austin Daye, quindi ancora una bomba di Tonut. Con il secondo quintetto in campo, e Zach LeDay carico di due falli, Sergio Rodriguez segna sei punti consecutivi attaccando l’area e scavando sette punti a favore dell’Olimpia alla fine del primo periodo, 20-13.

IL SECONDO QUARTO – Andrea De Nicolao guida la rimonta di Venezia con cinque punti consecutivi, una penetrazione acrobatica e una tripla da otto metri con la quale la Reyer rientra a meno due. Su un tecnico dato a Shields, il suo secondo fallo, Venezia costruisce il 4-0 che la riavvicina a un punto di distanza. Un jumper dall’angolo di Hines e una tripla di Punter ripristinano sei punti per Milano. Ma la Reyer resta agganciata, con i suoi quintetti lunghim anche con Watt e Vidmar assieme. Una tripla di Stone in transizione la porta avanti nel punteggio, 34-33. Dal time-out di Coach Messina, l’Olimpia esce con un 5-0 di parziale. Watt dalla lunetta impatta ancora. Poi Biligha e Rodriguez chiudono con un nuovo minibreak che chiude il periodo sul 42-38 Olimpia.

IL TERZO QUARTO – L’Olimpia costruisce buoni tiri, ma non è sostenuta dalle percentuali e in più incassa cinque punti da Tonut in contropiede. Resta avanti 46-43, ma Coach Messina ferma lo stesso la partita. Dal time-out, Milano esce con un 6-0 che include una bomba di Shields e quella in transizione di LeDay. Il vantaggio schizza a nove punti, poi Punter ruba un pallone che converte in contropiede, Shields centra un’altra tripla e, nonostante il terzo fallo fischiato a LeDay, il margine si allarga fino a quota 12. Stone rimette in ritmo Venezia con la sua seconda tripla in un momento in cui l’Olimpia va meglio in difesa che in attacco, perché qualche tiro facile non entra. La Reyer ne approfitta e risale. Daye e Stone la riportano a meno cinque. Poi Milano risponde, prima con un jumper dalla media di Datome e, dopo una gran difesa di Moraschini sul post-up di Daye, con un sottomano sulla sirena di Rodriguez per il 64-55.

Così Coach Ettore Messina ha commentato Gara 1 della semifinale: “E’ stata una partita difficile contro una squadra che sapevamo ci avrebbe messo in difficoltà, alternando le difese, ruotando i suoi giocatori e attaccandoci con Austin Daye in molte situazioni. Tutto sommato, pur non giocando una buona partita, avevamo costruito dei buoni vantaggi ma poi abbiamo buttato via tutto con le palle perse dell’ultimo quarto. Per fortuna, nell’ultimo minuto e mezzo siamo riusciti a produrre due giocate in attacco, con Hines e Shields, e a fare un paio di difese valide così abbiamo portato a casa questa vittoria. E ovvio che dobbiamo alzare il livello se vogliamo pensare di vincere la serie e dobbiamo farlo già nella partita di lunedì che è fondamentale”.

Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni