Monza, tris alla Salernitana.

276
AC Monza's midfielder Filippo Ranocchia in action against Salernitana's midfielder Ivan Radovanovic during the Italian Serie A soccer match between AC Monza and Salernitana at U-Power Stadium in Monza, Italy, 13 November 2022. ANSA / ROBERTO BREGANI

Tre gol alla Salernitana, nove punti di margine dalla zona retrocessione: il Monza chiude il 2022 con la miglior prova stagionale, passando con Carlos Augusto e Mota Carvalho nel primo tempo, chiudendo i conti nella ripresa con Pessina su rigore.

Tre gol e tre pali (Colpani e Ranocchia due volte) per i biancorossi di Raffaele Palladino che mandano in rete due dei tre titolari di quella serie B che due stagioni fa venne vinta dai campani che andarono direttamente in A, costringendo i brianzoli ad amari playoff.

Vista l’assenza forzata di Sensi, Palladino propone Pessina sulla linea dei quattro a metà, così come era stato giovedì a Roma con la Lazio.

L’equilibrio si rompe al minuto 23: Caprari recupera palla e manda in profondità Mota, tacco per Carlos e nell’area piccola sinistro che vale il vantaggio. I padroni di casa stazionano nella metà ospite e al 33′ raddoppiano: Mota strappa in velocità, gioco di gambe sull’ex compagno Pirola e sinistro a incrociare che passa sotto alle braccia di Sepe. A campi invertiti l’inerzia non cambia e la squadra di Nicola, che si era fatta viva solo con una punizione di Bradaric nel primo tempo, solo nel finale ci riprova con Piatek, senza centrare lo specchio. Morale: Di Gregorio nei 90 minuti non sarà mai chiamato in causa. Coinvolto sul campo è invece Candreva, che pure si era preso un giallo a metà primo tempo per proteste mentre era in panchina. Nicola lo butta nella mischia al posto di Mazzocchi al 15′ della ripresa e neanche un quarto d’ora dopo l’ex Lazio, Inter e Samp stende Mota in area: secondo giallo, espulsione e rigore. Pessina, che non segnava in biancorosso dai tempi della C, firma il 3-0. Poco o nulla da salvare per i granata, Monza che invece con Palladino chiude un 2022 con media punti da piazzamento in zona coppe. (ANSA).

Raffaele Palladino, tecnico del Monza, ha parlato ai microfoni di DAZN nel post partita di Monza-Salernitana: “Ho iniziato da poco ad allenare, sono inesperto ma non ho avuto paura. Ho cercato di dare una mentalità ai ragazzi, oggi sono stati davvero bravi. Ci tengo a ringraziare tutto lo staff a cui chiedo davvero tanto in settimana. Così anche la società che ci supporta in tutto. Ora dobbiamo essere bravi, andremo in vacanza ed è quasi un peccato fermarci.

Se dovessi chiedere qualcosa al mercato cosa faresti?

“Non mi piace parlare troppo di mercato. Ho la fortuna di avere attaccanti bravi e duttili. Mota in campo aperto è devastante. Pensavo potesse avere qualche difficoltà a fare la prima punta e invece sta crescendo partita dopo partita. Petagna è una classifica prima punta che può venire sotto a legare il gioco con i due trequartisti. Devo valorizzare i miei attaccanti e quando sarà tempo di mercato vedremo. Qui si è creata una bella magia, quando vai a toccare le cose magari rischi di fare danni. Questi ragazzi danno tutto e meritano queste soddisfazioni”.

Carlos Augusto può crescere ancora?

“L’ho già detto nei giorni scorsi. Devastante, mi sorprende giorno dopo giorno. Ha giocato tre partite in 7 giorni e aveva dati fisici incredibili. Nasce come terzino ma secondo a tutta fascia è il suo ruolo ideale. Può migliorare la qualità nell’ultimo passaggio ma potenzialmente è un calciatore da Champions League”.

Quando il Monza gioca la domenica alle 15 vince sempre

“Speriamo di spostare tutte le partite la domenica alle 15. Sono napoletano ma non sono scaramantico. Siamo felici, era importante chiudere bene prima della pausa”.