L’Atalanta si ferma con la Juve, all’Allianz è 2-2, 2 rigori di Cristiano Ronaldo rispondono ai vantaggi di Zapata e Malinowskyi.

0
324
epa08541215 Atalanta's Ruslan Malinovskyi (L) scores the goal (1-2) during the Italian Serie A soccer match Juventus FC vs Atalanta BC at the Allianz stadium in Turin, Italy, 11 July 2020. EPA/ALESSANDRO DI MARCO
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

Juventus e Atalanta pareggiano 2-2 a Torino in un anticipo della 32/a giornata di serie A. I bianconeri allungano a +8 il vantaggio sulla Lazio, seconda in classifica.

Una doppietta dal dischetto di Ronaldo salva la Juve, sempre costretta a rincorrere i bergamaschi in vantaggio prima con Zapata e poi con Malinovskyi. (ANSA).

Il tecnico dei bergamaschi analizza il pareggio in casa dei bianconeri: “Mai come questa sera avremmo meritato di vincere ma a volte nel calcio la prestazione non basta”. Poi Gasperini ritorna sul rigore assegnato alla Juventus per il fallo di mano di De Roon che ha fissato il risultato sul 2-2: “Il regolamento è questo in Italia. Deve cambiarne l’interpretazione, per me è un’eresia”

“Il primo rigore era nettissimo… Il regolamento è questo in Italia, per me è un’eresia. Oggi ci è capitata contro e fine. C’è un’interpretazione uguale in un altro campionato? No. Cosa facciamo, gli tagliamo le braccia? Le braccia dietro la schiena si mettono ai bambini per farli imparare a dribblare… Deve cambiare l’interpretazione del regolamento”. Così l’allenatore dell’Atalanta, Gian Piero Gasperini, dopo il pareggio con la Juventus per 2-2 allo Stadium arrivato nel finale per effetto del rigore concesso sul fallo di mani di De Roon, poi trasformato da Cristiano Ronaldo. “Abbiamo fatto molto bene – aggiunge ai microfoni di Dazn – al cospetto di una grande squadra, prima in classifica. Io esco da questa partita molto contento della prestazione, anche se c’erano tutte le condizioni per vincere questa gara e c’è il rammarico perché ci eravamo vicini fino al 90′”.

“Champions il nostro vero obiettivo”
Gasp, che ha sfiorato la decima vittoria consecutiva, prova comunque a vedere il bicchiere mezzo pieno: “Avevo chiesto ai ragazzi di interpretare la gara anche in ottica Champions, perché lì troveremo squadre di questo livello. Volevo anche capire se tenendo in campo Zapata, il Papu e Ilicic insieme saremmo stati in grado di sopportare questa forza d’urto, ci siamo riusciti”. Con la vittoria l’Atalanta sarebbe andata a -6 dalla Juve: “Per noi – conclude Gasperini – il risultato insperabile era di arrivare alla Champions per il secondo anno di fila, ci mancano 5 punti. È già un grande traguardo questo. E poi la Juventus anche a -6 non avrebbe potuto perdere lo scudetto”.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here