Davide Calabria si racconta agli studenti delle medie.

129

Davide Calabria, fresco dello scudetto appena vinto da capitano del Milan, incontra a sorpresa gli studenti di una scuola media milanese per trasmettere loro un forte messaggio ispirazionale.

Durante l’incontro davanti all’Istituto Comprensivo Thouar e Gonzaga in via Tabacchi, Calabria ha raccontato la sua esperienza, le sfide e le emozioni vissute durante il periodo delle scuole medie. Ma soprattutto, ha chiesto ai ragazzi e alle ragazze di condividere le loro, per motivarli ad affrontare qualsiasi momento vissuto durante questi anni e a credere sempre in loro stessi e nei propri sogni.

 

“A 12 anni non volevo deludere i miei. Oggi è me stesso che non voglio deludere”, afferma il calciatore. “Le mie scuole medie sono state un momento felice, anche se non è stato tutto sempre facilissimo: avevo gli impegni calcistici, dovevo conciliare scuola e partite. Ma oggi ci ripenso con orgoglio.”

 

“Indossare la maglia del Milan? In certi momenti ti senti la persona più forte del mondo, in certi momenti ti senti la persona più debole”, prosegue Calabria. “Sei esposto a tutto. Giochi con una squadra tra le più grandi del mondo, quindi tutti i giorni, tutto il giorno, tutti parlano di te e della tua squadra. Dopo che ci sono stati parecchi anni di difficoltà, non solo per me ma anche per il Milan, vincere lo scudetto è stata una gioia immensa. È stato uno dei giorni più belli della mia vita, se non il più bello.”

 

Il progetto, realizzato dall’agenzia creativa We Are Social per Netflix con l’aiuto di You First Sports, agenzia di Davide Calabria, fa parte della campagna per il lancio di “Di4ri”, il primo titolo italiano originale Netflix pensato per un pubblico di ragazzi delle scuole medie. La serie racconta le storie e le emozioni di un gruppo di compagni di classe, la 2° D, e ogni episodio mostra gli avvenimenti attraverso gli occhi di uno degli otto protagonisti, come se fosse un diario personale. Le crush e i primi baci, il coming out, le aspettative dei genitori, la dislessia, l’ansia di crescere, la solitudine e l’accettazione di sé sono solo alcuni dei temi trattati nei 15 episodi, già disponibili su Netflix.