Epifania solidale, con lo chef Antonio D’Angelo e Pane Quotidiano.

0
699
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

Il 6 gennaio gli ospiti di Pane Quotidiano Onlus avranno l’opportunità di prendere parte a uno speciale momento di festa e condivisione: lo Chef Antonio D’Angelo preparerà il pranzo per loro.

 

Presso la sede storica di Viale Toscana 28, che è stata recentemente oggetto di un importante intervento di rinnovamento, lo Chef cucinerà personalmente per cinquanta ospiti, coadiuvato da Simone Masuzzo, manager presso il ristorante Molo47 a Formentera e da Beppe Allegretta, pasticcere di Nobu Milano.

L’operazione è ideata e curata in collaborazione con Maurizio Parenti, noto gastronomo.

All’iniziativa parteciperanno i sommelier di FISAR Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori.

 

Antonio D’Angelo, Chef raffinato e curioso, profondo conoscitore del patrimonio gastronomico italiano e internazionale, ha maturato grazie alle numerose esperienze in tutto il mondo una personale visione gastronomica, che lo porta a sperimentare con passione materie prime e metodologie di cottura sempre diverse.

Arricchito dai significativi riconoscimenti professionali ottenuti nel corso della sua esperienza presso il rinomato ristorante Nobu di Milano, di cui guida con successo la brigata come Executive Chef, ha fondato a Formentera il ristorante Molo47, nato dalla grande amicizia con Simone Masuzzo e Daniele Bettinzoli.

 

Il pranzo solidale regalerà un’Epifania di festa agli ospiti di Pane Quotidiano, Onlus che ogni giorno, da oltre 120 anni, si impegna per sostenere tante persone vulnerabili e sfiduciate, che vivono con sofferenza lo stato di solitudine e la mancanza di socializzazione che spesso purtroppo si accompagnano alla loro condizione di povertà.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here