Senza fissa dimora, attivo piano freddo del Comune.

84

Nell’ambito di Milano aiuta, prosegue il Piano freddo del Comune di Milano, allo scopo di potenziare l’assistenza ai senza dimora in queste giornate in cui le temperature invernali e il maltempo mettono più a rischio la loro incolumità. Il Centro Sammartini, punto di accesso di tutti i servizi per i senza dimora, sta andando avanti con gli inserimenti nelle strutture attive e proseguirà con le aperture di nuove strutture in via Belluno, via Balsamo Crivelli e corso di Porta Vigentina, all’esaurimento delle disponibilità.

Ad oggi sono poco più di 200 i posti occupati nei cinque centri aperti di viale Puglie, via Barabino, via San Marco, via Saponaro e al Mezzanino della Stazione Centrale, che si aggiungono ai circa mille a disposizione tutto l’anno. Restano disponibili decine di posti e sono già programmati nei prossimi giorni nuovi inserimenti. L’accoglienza – si ricorda – sarà possibile dopo uno screening sanitario a cura di Medici volontari italiani che, per la prima volta quest’anno, durante il controllo medico, offriranno la somministrazione del vaccino antinfluenzale.

“In questi giorni di particolare freddo in cui è possibile anche l’arrivo della neve, – dichiara l’assessore al Welfare e Salute Lamberto Bertolé – è fondamentale offrire a tutte le persone disposte ad accettarlo un posto al caldo. Per questo, chiediamo il supporto dei milanesi perché ci segnalino le persone in difficoltà e ci aiutino ad attivare interventi tempestivi e più efficaci. Il numero 0288447646, messo a disposizione dal Comune, è attivo h24, tutti i giorni dell’anno”.

Durante il Piano freddo, il Centro Sammartini di via Sammartini 120 amplia l’orario di apertura: dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 il lunedì, martedì, giovedì e venerdì, dalle 14 alle 18 il mercoledì e dalle 10 alle 17 nei fine settimana e nei giorni festivi. Si rafforza anche il monitoraggio del territorio attraverso le unità mobili che presidiano la città per fornire supporto, offrire un posto letto e assistenza a chi vive per strada. Oltre venti sono le associazioni, coordinate dal Comune, che collaborano per questo servizio. Tra i servizi previsti nell’ambito del Piano si annoverano anche gli spazi dei centri diurni, luoghi che offrono accoglienza di giorno con servizi che rispondono a bisogni primari attraverso le mense, le lavanderie, i guardaroba, gli ambulatori medici, il parrucchiere e ingaggiano i senza dimora in percorsi relazionali ed educativi con laboratori e attività di socializzazione e ricreative.(MiaNews)