Rapinavano e massacravano di botte tassisti per comprarsi la droga.

0
328
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

“Ci siamo divisi i soldi (…) siamo andati a comprarci cocaina (…) quella notte io ho dormito nella stazione di Certosa, ero strafatto”. Lo ha messo a verbale Mohamed Nassar, detto ‘Habib’, 27enne di origine egiziana fermato assieme al 22enne Brian Mastrandrea per le due “violentissime” rapine del 10 e 12 agosto ai danni di due tassisti a Milano.

La cruda confessione emerge dall’ordinanza con cui il gip di Milano Raffaella Mascarino oggi ha convalidato i fermi e disposto la custodia in carcere per entrambi.

Anche Mastrandrea, difeso dal legale Robert Ranieli, “ha ammesso gli addebiti – scrive il gip – precisando di essersi indotto a commettere le rapine per procurarsi il denaro con cui acquistare” la cocaina “al cui uso è dedito”.

Dopo aver “bevuto e fumato insieme a Brian”, ha raccontato ancora Nassar (difeso dall’avvocato Francesco Beretta), assieme ad un altro ragazzo “siamo andati in zona Duomo con l’idea di tirare su un po’ di soldi”. E così “abbiamo pensato – ha aggiunto – di rapinare un taxi”. Il primo tentativo è andato a vuoto: “siamo saliti a bordo, quando ci siamo resi conto che si trattava di una signora abbiamo deciso di non rapinarla”. (ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here