Galleria, Cobianchi, soffitte Savini, Giunta approva linee valorizzazione.

0
146
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

L’ex Albergo Diurno Cobianchi diventerà centro polifunzionale ed espositivo, uffici e sale di pregio con affacci in Galleria saranno destinate ad attività recettive, spazi non valorizzati come le cantine saranno trasformati in teatro cabaret ‘Vecchia Milano’, gestito dallo storico ristorante Savini, soffitte inutilizzate si convertiranno in camere di lussuosi hotel, ci sarà un nuovo desk per l’informazione turistica come ai tempi dell’Urban Center e un ascensore panoramico consentirà la salita sulle terrazze per offrire una vista mozzafiato su piazza del Duomo. Sono state approvate mercoledì scorso dalla Giunta di Palazzo Marino le linee di indirizzo per la valorizzazione di parte del patrimonio comunale del complesso monumentale della Galleria Vittorio Emanuele II.

La delibera nasce a seguito della “ricognizione delle concessioni in scadenza, oltre che degli spazi vuoti o ad uso ufficio, e alle relative verifiche di carattere tecnico-amministrativo, propedeutiche e successive alle procedure di gara che ne sono conseguite anche ripensando i singoli asset”. Si tratta di linee di indirizzo su cui sviluppare piani di recupero e valorizzazione degli immobili ma che in ogni caso non sono vincolanti per la futura cessione degli spazi: al di là delle intenzioni della Giunta ogni porzione immobiliare sarà necessariamente messa all’asta, come da prassi consolidata del Comune per gli immobili di pregio che nell’area dell’Ottagono hanno registrato valori all’incanto superiori a 15mila euro al metro quadrato.

La delibera prevede che tutti i luoghi di futura assegnazione siano dati in concessione per 18 anni e, considerato lo stato trascurato degli ambienti con relative necessità di ristrutturazione a carico dei nuovi inquilini, il Comune applicherà lo sconto sugli affitti così articolato: per il primo anno versamento del 20 per cento del canone, per il secondo del 50 per cento, per il terzo anno del 70, poi dal quarto al diciottesimo anno la cifra intera. I primi spazi a cui fa riferimento la delibera sono quelli attualmente in uso alla Libreria Feltrinelli per un totale di 1.861 mq. Di questi l’attuale inquilino Feltrinelli richiedere il riutilizzo di poco più di 1500 mq, mentre parte dei rimanenti metri quadri (162) andrebbero a un nuovo concessionario e altri 150 al ristorante Savini, per l’allargare la sua porzione di spazio attigua a quella della Feltrinelli. La proposta di riduzione degli spazi alla Feltrinelli nasce a seguito di un contenzioso pendente in capo al Consiglio di Stato a causa di due gare per gli spazi in questione andate deserte negli scorsi anni e per le quali l’offerta economica presentata da Feltrinelli, in quanto unico partecipante, è risultata inferiore al valore posto a base d’asta. Invece, negli spazi che rimarrebbero in concessione a Feltrinelli, la libreria dovrà realizzare “interventi di riqualificazione al patrimonio”, come la sanificazione degli ambienti e la manutenzione di impianti. Dovrà, inoltre, realizzare, nell’ambito del progetto ‘Milano per Tutti’, il punto informativo Urban Center e Welcome desk cittadino per la promozione turistica e intensificare le iniziative “che coinvolgono i cittadini della città di Milano e i fruitori degli spazi di Galleria”.

Per gli spazi del Savini, la proposta del rinomato ristorante è “la realizzazione di un nuovo e prestigioso ambiente da destinare a pubblico spettacolo, interamente nel piano interrato e con accesso diretto dal locale al piano strada”. In particolare, il piano prevede “l’insediamento di un’attività di spettacolo e intrattenimento capace di ricreare, per tipologia e qualità degli eventi, l’atmosfera della ‘Vecchia Milano’ teatro cabaret” e il “collegamento a tale piano interrato già in uso a Savini” con la porzione di spazio ceduta dalla Feltrinelli Srl. Per quanto riguarda gli spazi dell’ex Albergo Diurno Cobianchi – oggi inutilizzato e posto al piano interrato di piazza Duomo 19/A – la proposta riguarda “la creazione di uno spazio polifunzionale, di un centro espositivo e di vendita prodotti, oltre a servizi di trattamenti di bellezza, per un totale di mq 1.096,94 circa”. Tra gli altri spazi comunali oggetto di manifestazione di interesse, è compreso il secondo piano di via Silvio Pellico 6, attualmente adibito a sede istituzionale (circa mq 276,57 e cantina al piano interrato di circa mq 21): la proposta valutata dalla Giunta prevede la riqualificazione degli spazi per accogliere alcune funzioni, tra cui “laboratorio di produzione, dispensa per la cucina, piccolo spazio per ristoro per i dipendenti, ufficio amministrativo”. Mentre al piano quarto di via Silvio Pellico 6/piazza Duomo 21, “la proposta prevede l’insediamento di attività di tipo ricettivo (foresteria), da destinare ai dipendenti dell’attività del soggetto richiedente”. A fronte della previsione di interventi al patrimonio di riqualificazione edilizia, il cui importo viene quantificato in euro 500mila euro, “il proponente – si legge nella delibera – si è reso disponibile, con istanza iniziale, al versamento di un canone di 40mila euro, in aggiunta alla messa a disposizione dell’Amministrazione Comunale di una Sala Eventi, per 12 giorni all’anno, inclusivi di un catering per cento persone, valorizzate dall’Area Gestione Fiscalità e Controlli in euro 120mila euro, per un totale complessivo, da corrispondere parte in denaro e parte in servizi, di euro 160mila euro. L’organizzazione degli Eventi per questo spazio sarà programmata dal Gabinetto del Sindaco”. Invece, per gli spazi al piano quarto e quinto di Piazza Duomo 21, che comprende la Sala degli Orologi, la terrazza panoramica e i percorsi panoramici denominati ‘Highline Galleria’, la richiesta riguarda “la messa in sicurezza e la riqualificazione”, finalizzata “all’accessibilità a tutti gli spazi oggetto della manifestazione, ivi compresa la scenografica terrazza con affaccio su Piazza Duomo, tramite la realizzazione di un ascensore panoramico di indubbio fascino per qualsiasi visitatore del centro città, di Piazza Duomo e del bene monumentale di Galleria Vittorio Emanuele”. In ultimo, gli spazi con ingresso da piazza Duomo 19 e via Pellico 1 e 2, (la gran parte con affaccio sulla cattedrale) e soprastante porzione di sottotetto, verrebbero destinati ad uso alberghiero e ufficio.(MiaNews)

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here