Filma con microcamere nascoste le ragazze a cui fittava gli appartamenti, rinviato a giudizio.

0
321
Forze dell'ordine delimitano l'area del Tribunale di Milano per il ritrovamento all'esterno di un ordigno. Gli artificieri intervenuti sul posto hanno rinvenuto una finta bomba simile in tutto e per tutto esternamente ad una bomba-ananas. Milano, 17 novembre 2017. ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

Aveva riempito le stanze che affittava a delle ragazze della casa, in cui lui stesso viveva, con micro telecamere, piazzate persino nel bagno, per filmare “a più riprese immagini di intimità” di almeno tre giovani, mentre altre due inquiline, nel marzo 2019, erano riuscite per caso a scoprire l’esistenza di quelle telecamere e a denunciare tutto.

Con l’accusa di “interferenze illecite nella vita privata” un 64enne, difeso dal legale Andrea Benzi, è stato mandato a processo con citazione diretta a giudizio dal pm di Milano Isabella Samek Lodovici.

Il processo, davanti alla prima sezione penale, si aprirà domani e le ragazze sono parti civili (tra i legali l’avvocato Marco Ventura). Nel marzo di un anno fa una delle ragazze che viveva in affitto nell’appartamento di viale Fulvio Testi, come ha messo a verbale un’altra coinquilina russa, “ha iniziato a guardarsi intorno” nel bagno “scoprendo l’esistenza di una micro camera nascosta, installata dietro una pianta finta posizionata sul mobile vicino allo specchio”.

Ha controllato, poi, anche nella sua camera da letto “scoprendo anche lì una micro camera nascosta sopra l’armadio, tra due scatoloni, che inquadrava il letto”. Infine, ha spiegato ancora la giovane alla polizia, “siamo andati nella mia stanza dove abbiamo trovato una terza telecamera”. (ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here