Choo-Na, Lipu e Arpa insieme per la biodiversità al centro di recupero di Magenta.

0
361

Per proteggere la biodiversità bisogna unire le forze e puntare sui giovani. Lo sa bene la Lipu che, insieme ad Arpa, ha organizzato una giornata di formazione per la protezione dell’avifauna locale in situazioni di emergenza.

L’incontro si svolgerà a Milano nella mattinata di Venerdì 12 Aprile e vede la partecipazione ovviamente dei due enti organizzatori, della Direzione Regionale Vigili del Fuoco di Milano e della Direzione Generale Welfare Veterinaria della Regione Lombardia. L’obiettivo è quello di creare un protocollo di riferimento per la gestione della fauna locale in situazione di disastro ambientale che possa essere utilizzato efficacemente dai giovani volontari della Lipu che partecipano al progetto europeo Life “Choose Nature” (abbreviato come “Choona”).

Con 20 gruppi distribuiti su tutto il territorio nazionale, grazie ai finanziamenti e al supporto del programma Life della Commissione europea e della Fondazione Cariplo, il Choona si occupa della protezione di 9 specie a rischio, di educazione ambientale e di salvaguardia della biodiversità.

Oggi sono 316 i volontari fra i 18 e i 30 anni appartenenti al Corpo Europeo di Solidarietà che hanno deciso di dedicare il loro tempo e i loro sforzi all’iniziativa Choona, ottenendo risultati rimarchevoli a livello internazionale.

L’incontro di Venerdì è stato fortemente voluto dall’Arpa e dalla Lipu tramite il Centro di Recupero di Fauna Selvatica “La Fagiana”, situato nella meravigliosa riserva naturale del Parco del Ticino, che solo nel 2018 ha ricoverato 1.501 animali appartenenti alla fauna selvatica locale, con un incremento del 25% rispetto all’anno precedente.

Il Centro recupero è la sede operativa del gruppo intervento inquinanti, composto da 23 giovani volontari, che grazie al progetto Life Choona stanno acquisendo le competenze per intervenire nei confronti dell’avifauna in caso di sversamenti di inquinanti nelle acque.

Oggi più che mai data la crescente urbanizzazione, l’inquinamento, la caccia e lo smodato consumo di plastica è necessario lavorare insieme per assicurare un futuro alla fauna che ci circonda.

Veronica Burresi, responsabile del CRFS “La Fagiana” della Lipu, ci ricorda infatti “Un protocollo condiviso è il miglior modo per non farsi trovare impreparati di fronte ai disastri ambientali”. E aggiunge “L’incontro è importante perché unisce due entità che hanno competenze diverse, ma entrambe coinvolte nella gestione di animali selvatici vittime di disastri ambientali. Arpa si occuperà di illustrare gli scenari ambientali di riferimento; la Lipu, con la sua sede del CRFS “La Fagiana”, si offre come luogo di cura di eventuali selvatici vittime di inquinamento”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here