Torna in Statale la Settimana della Legalità, in memoria di Guido Galli.

0
351
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

Al centro della Settimana della Legalità, organizzata in Statale dal 15 al 21 marzo,  l’evento del 19 marzo dedicato a Guido Galli, ucciso da un gruppo di Prima linea mentre andava a fare lezione nell’aula 309, il 19 marzo 1980.

Intorno all’evento centrale dedicato alla memoria del Magistrato, alla presenza dei familiari, una costellazione di incontri in cui il diritto sarà la chiave interpretativa per leggere alcuni temi economici, sociali e etici messi in luce con grande evidenza e urgenza speso drammatica dalla pandemia.

La settimana si apre il 15 marzo, alle ore 11.30, con evento online su Teams dedicato a Donne e violenza da vicino: il nuovo Osservatorio sulla violenza contro le donne, che vedrà protagonisti i fondatori del nuovo Osservatorio online sulla violenza di genere: Marilisa D’Amico e Irene Pellizone, docenti dell’Università di Milano, Fabio Roia, presidente di sezione del tribunale di Milano, Manuela Ulivi, avvocata e fondatrice Casa di Accoglienza delle donne maltrattate, Andrea Biavardi, giornalista e direttore di riviste, Alessandra Kustermann, ginecologa e fondatrice di SVSeD (soccorso di violenza sessuale e domestica).

L’Osservatorio, costruito a seguito delle stimolanti e appassionate interazioni tra docenti e studenti di corsi di taglio costituzionale dedicati alla violenza di genere, muove dalla consapevolezza che un’acquisizione e diffusione di una sensibilità di genere nel settore giuridico, ma anche tra il più ampio pubblico, e prima di tutto tra gli studenti, sia essenziale per poter prevenire il fenomeno della violenza di genere in tutte le sue forme, che ancora oggi attingono la loro prosperità nelle carenze del percorso verso una effettiva attuazione del principio di eguaglianza tra uomini e donne.

Dedicato all’emergenza Covid è il convegno che si tiene su Zoom dal 15 al 18 marzo, organizzato dal Dipartimento di Scienze giuridiche Beccaria. Quattro pomeriggi con interventi di ricercatori e dibattito conclusivo dedicati ai temi della distanza nel contesto sociale, lavorativo, giuridico, religioso, domestico e locale (15 marzo), alla conseguente disuguaglianza che tocca il welfare, l’economia, la fiscalità, la libertà di culto (16 marzo), alla comunicazione e al ruolo dei social network, sospesi tra libertà di opinione e conseguenze penali (17 marzo), e al tema della responsabilità lavorativa, sanitaria e penale (18 marzo).
In questo quadro si segnala l’intervento di Alessandra Galluccio (mercoledì 17 dalle ore 15) dedicato a social network e dissenso alle misure anti-Covid: libera espressione del pensiero o “parola “pericolosa” penalmente rilevante? Il tema è di drammatica attualità in queste ultime settimane caratterizzate da avvenimenti così gravi nella culla della democrazia del mondo moderno, che ha fatto storicamente del free speech il proprio segno distintivo. Sino a che punto quella libertà deve essere tutelata anche a fronte di discorsi che fomentano la violenza, e il rovesciamento delle istituzioni democratiche? Ed entro quali limiti questi discorsi possono essere legittimamente puniti?

Il 17 e 18 marzo, sarà la volta degli incontri online su Teams dedicati alla criminalità organizzata, dal titolo “Capire il fenomeno mafioso. Gli studi di comunità: una tradizione che si rinnova”, che indagano il rapporto tra mafie e urbanistica sul territorio italiano ed europeo, seguito nel pomeriggio del 18 marzo dall’incontro “Il Potere e la Mafia. Le nuove frontiere del crimine organizzato nella società post-Covid”, trasmesso online sulla pagina Facebook e canale YouTube di WikiMafia.

Il 19 marzo alle ore 9.00 l’evento “Difesa dell’imputato e speditezza del processo. Ricordando Guido Galli, magistrato e docente, 41 anni dopo” trae spunto dalla raccolta postuma degli scritti di Galli (Giuffrè editore 1982), e si potrà seguire integralmente su Teams e in diretta sulla pagina Facebook @LaStatale.
Dopo i saluti iniziali, affidati al rettore Elio Franzini e Anna Giorgetti, presidente della Sezione di Milano dell’Associazione Nazionale Magistrati, seguirà l’intervento di Armando Spataro, già procuratore della Repubblica di Torino, a ricordare l’uomo e il magistrato vittima del commando.

Dalle 10 alle 12.30, si terrà una tavola rotonda, introdotta e moderata da Ennio Amodio, professore emerito di Diritto processuale penale in Statale, con Gian Luigi Gatta, docente di Diritto penale in Statale, Giuseppe Ondei, presidente vicario della Corte d’Appello di Milano, Domenico Pulitanò, professore emerito di Diritto penale, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Giuseppe Santalucia, presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati e Consigliere della Corte di cassazione, Nicolò Zanon, giudice della Corte Costituzionale e docente di Diritto costituzionale in Statale.

Nel pomeriggio del 19 marzo, alle ore 15 online su Zoom, sarà la volta della tavola rotonda dedicata a “Esigenze di difesa sociale e diritto alla salute in tempo di COVID”, coordinata dai docenti della Statale Emilio Dolcini, Marilisa D’Amico e Roberto Sacchi, e che vede la partecipazione dell’avvocata Valentina Alberto, della direttrice dell’Istituto penitenziario minorile Cesare Beccaria Cosima Buccoliero, della Presidente del Tribunale di sorveglianza di Milano Giovanna Di Rosa, della direttrice di “Ristretti Orizzonti” Ornella Favero, del Garante dei diritti delle persone private della libertà personale del Comune di Milano Francesco Maisto.

Domenica 21 marzo, Giornata nazionale della memoria delle vittime innocenti di mafia, si chiude la Settimana della legalità con due eventi.

Alle 9.30 online su Teams “L’antimafia è Donna” vede la partecipazione di donne impegnate nella lotta alla mafia come Enza Rando, di Libera e avvocata di Lea Garofalo, Domenica Cacciatore, preside a Vibo Valentia e già preside a San Luca, Giorgia Venturini, giornalista e direttrice di “Stampo antimafioso”, Monica Forte, presidente della Commissione regionale antimafia della Lombardia, Antonella De Miro, Consigliere di Stato e già prefetto di Reggio Emilia e Palermo, Alessandra Dolci, coordinatrice Direzione Distrettuale Antimafia di Milano, Rosy Bindi, già presidente della Commissione parlamentare antimafia, Maria Falcone, presidente della Fondazione Falcone,   Luciana Lamorgese, Ministra dell’Interno, Lucilla Andreucci di Libera.

L’iniziativa #EranoSemi – in ricordo di tutte le vittime innocenti delle mafie, con la lettura dei nomi delle vittime di mafia da parte di istituzioni, professori, studenti, giornalisti, attori ed esponenti della società civile, verrà trasmessa online sulla pagina Facebook e canale YouTube di WikiMafia.

La Settimana della legalità 2021 è promossa dai dipartimenti di Scienze giuridiche ‘Cesare Beccaria’ e di Studi internazionali, giuridici e storico-politici dell’Università di Milano, da Osservatorio CROSS dell’Università Statale di Milano, in collaborazione con Regione Lombardia, Comune di Milano, Politecnico di Milano, Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie e WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie.

Tutti gli eventi sono su www.lastatalenews.it

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here