Morto a 91 anni Gianni Clerici, la penna e la voce del tennis.

122
Gianni Clerici, storica firma del tennis, morto all'età di 91 anni, a Bellagio. RSI (Radiotelevisione svizzera in lingua italiana) +++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++

Italo Calvino lo aveva definito “uno scrittore imprestato allo sport”: è morto all’età di 91 anni, a Bellagio, Gianni Clerici, storica firma del tennis, da tempo collaboratore di ‘Repubblica’ che ne annuncia la scomparsa sul sito.

Nato a Como nel 1930, aveva giocato a tennis, vincendo due titoli italiani juniores di doppio in coppia con Fausto Gardini e una coppa De Galea a Vichy nel 1950 e partecipando come singolarista a Wimbledon (1953) e Roland Garros (1954).

Dopo aver collaborato dal 1951 al 1954 con La Gazzetta dello Sport, e nel 1954 con Sport Giallo e Il Mondo, nel 1956 era passato al Giorno di Milano come editorialista e inviato, prestando i suoi commenti raffinati sul tennis anche alla tv, creando un inconfondibile duo con Rino Tommasi dapprima su Capodistria, poi su Tele+ infine su Sky. (Clerici è stato la prima vera “seconda voce” delle telecronache sportive., ndr)

Ha firmato i grandi ‘classici’ dedicati allo sport della racchetta: Il tennis facile (1972), 500 anni di tennis (1972, uscito poi in una nuova edizione nel 2007), la biografia Divina. Suzanne Wengen, la più grande tennista del XX secolo (2002), Gianni Clerici agli Internazionali d’Italia. Cronache dello scriba 1930-2010 (2010) e Wimbledon. Sessant’anni di storia del più importante torneo del mondo (2013). Ma è autore anche di testi narrativi (la trilogia I gesti bianchi, 1995; la raccolta di racconti Una notte con la Gioconda, 2008; i romanzi Australia felix, 2012, e 2084. La dittatura delle donne, 2020), di raccolte poetiche (Postumo in vita, 2005; Il suono del colore, 2011) e saggi storici (Mussolini. L’ultima notte, 2007). Nel 2010 Veronica Lavenia e Piero Pardini hanno pubblicato la sua biografia, dal titolo Il cantastorie instancabile. Gianni Clerici lo scrittore, il poeta il giornalista. Nel 2006 Clerici è stato inserito nella International Tennis Hall of Fame, secondo italiano presente dopo Nicola Pietrangeli.

PIETRANGELI: ‘MI LASCIA SOLO, GIÀ MI MANCA’
“Unico e irripetibile, questo era Gianni Clerici. Ci mancherà tantissimo, non solo come giornalista ma anche come scrittore”: al telefono con l’ANSA, Nicola Pietrangeli ricorda la figura dell’amico e giornalista, scomparso oggi. “Mi ha lasciato solo nella Hall of Fame del tennis” dice ancora Pietrangeli che poi ricorda: “Nei suoi libri c’è sempre stata una piccola sfida con me, per le donne – sorride – è stato unico e irripetibile. Come le sue telecronache con Rino Tommasi”. (ANSA)