Terza vittoria consecutiva in campionato, la decima in totale, per l’Inter che a San Siro supera 2-0 lo Spezia salendo momentaneamente in seconda posizione in classifica a 1 punto dal Napoli in attesa che i partenopei e il Milan scendano in campo stasera contro Sassuolo e Genoa. A decidere il match valido per la 15esima giornata i gol di Gagliardini al 36′ e Lautaro su rigore al 57′. In classifica i nerazzurri salgono a 34 punti, a 35 il Napoli, a 32 il Milan. Decimo ko in campionato per i liguri fermi a 11 punti.

Primo brivido della partita all’8′ quando Correa riceve palla al limite e con un tiro a giro non lontano dalla porta impensierisce Provedel. Insiste l’Inter, un pallone sporco arriva a D’Ambrosio in area ma Erlic lo anticipa al momento giusto. Al 20′ destro per lo Spezia di Sala, Handanovic blocca.

Ancora l’Inter, diagonale di Lautaro che sfila a fondo campo. Aumenta la pressione la squadra di casa, sinistro di Dumfries col portiere che respinge di pugno. Al 33′ cross rasoterra in area di Perisic su cui non arriva nessuno.

Al 36′ dopo un lungo giro palla l’Inter passa, Dimarco la mette al centro per Lautaro che fa velo, la sfera arriva a Roberto Gagliardini che dal limite brucia Provedel con un piazzato sul palo lontano. Al 41′ occasione di Correa, Kiwior in scivolata salva in corner. Nel finale di tempo, sugli sviluppi di un corner, colpo di testa di Amian con Handanovic che in tuffo salva.

Doppio cambio per l’ex Thiago Motta a inizio ripresa, entrano Bastoni e Canal per Amian e Reca. Al 50′ suggerimento di Calhanoglu per Lautaro, il tiro a giro viene bloccato da Provedel. Poco dopo destro di Correa che si stampa sulla traversa. I nerazzurri aumentano i giri a caccia del raddoppio, tiro deviato di Brozovic, il portiere dei liguri blocca. Al 54′ ‘bomba’ dal limite di Calhanoglu, Provedel si salva.

Fallo di mano di Hristov, l’arbitro Ghersini fischia il rigore. Sul dischetto va Lautaro che spiazza il portiere al 57′. Gioca in scioltezza l’Inter, fraseggio Lautaro-Calhanoglu con conclusione a botta sicura del turco ma il portiere con una prodezza si salva. Nuovi cambi per lo Spezia, entrano Maggiore e Bourabia per Kovalenko e Sala Nell’Inter spazio a Sensi al posto di Calhanoglu. Corner di Dimarco, Perisic stacca ma la sfera sorvola la traversa.

Cambia l’attacco nerazzurro, escono Correa e Lautaro per Dzeko e Alexis Sanchez. L’Inter amministra il vantaggio, all 84′ destro al volo di Manaj, Handanovic blocca. Nel finale destro di Sanchez, Provedel para. Dopo 3 minuti di recupero l’arbitro fischia la fine della partita.

Così Simone inzaghi a fine gara: . “Sapevamo che si trattava di una partita importante e non semplice. I ragazzi sono stati bravissimi – spiega l’allenatore – sono entrati subito in partita con il piglio giusto e sono molto soddisfatto. Stiamo crescendo, adesso ci sono partite importanti ma con questa unione e con questa voglia possiamo ancora crescere. Abbiamo giocato con pazienza e ordine, concedendo pochissimo. Dobbiamo continuare su questa strada, perché davanti si corre e nessuno si ferma”.

Ho dei buoni tiratori come Lautaro, Calhanoglu e Perisic e ho fiducia in loro. Si stanno alternando. Siamo il miglior attacco e creiamo tantissimo. Penso ci sia poco da dire ai ragazzi”. L’allenatore si sofferma anche sulla crescita costante di Calhanoglu: “Calha ci ha messo del suo, è un giocatore di qualità e quantità, che cresce di partita in partita. Sono soddisfatto di lui, così come di tutti gli altri”. Parole di stima anche per Dumfries: “Ha fatto molto bene, l’ho sempre utilizzato alternandolo con Darmian. Viene da un altro campionato e bisogna avere pazienza perché sarà sicuramente un valore aggiunto per me e per l’Inter. È un ragazzo positivo, che si allena sempre nel migliore dei modi e si è inserito bene nello spogliatoio”.

“Se spero di recuperare qualcuno? Lo vedremo nei prossimi giorni, anche oggi avevo due difensori di ruolo ma ho piazzato Dimarco lì dietro ed ero tranquillo. Speriamo di recuperare Bastoni – spiega Inzaghi – stanotte ha avuto febbre alta e problemi di stomaco. De Vrij sta iniziando a lavorare, sabato saranno passati 22 giorni dal suo infortunio.  Ha buone possibilità di rientrare anche Kolarov, per Darmian invece bisogna aspettare”. Da valutare anche le condizioni di Vidal e Sanchez: “Vidal ha preso un colpo sul piede nell’ultima azione della partita, spero non sia nulla di grave. Sanchez sta bene, ha fatto gli ultimi due allenamenti molto bene. Si è mosso bene, prima della sosta stava benissimo, poi l’ho riavuto indietro non in belle condizioni. Comunque lavora nel migliore dei modi”.

Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni