Europa League, Inter beffata, il gol decisivo Lukaku lo fa nella sua porta. Aria di addio per Conte.

1623
epa08617221 Sevilla's Diego Carlos (C-L) performs an overhead kick resulting into Sevilla's 3-2 lead during the UEFA Europa League final match between Sevilla FC and Inter Milan in Cologne, Germany, 21 August 2020. EPA/Wolfgang Rattay / POOL

Il Siviglia ha vinto per la sesta volta l’Europa League battendo l’Inter per 3-2 nella finale giocata questa sera a Colonia. Queste le reti: nel pt 5′ Lukaku (rigore), 12′ e 33′ De Jong, 36′ Godin; nel st 29′ Diego Carlos.

Il sogno che si trasforma nella beffa più atroce. Una deviazione sfortunata di Lukaku regala l’Europa League al Siviglia, che strappa la coppa all’Inter. Non basta l’iniziale vantaggio proprio del belga, su rigore, perché la squadra di Conte va sotto, rimonta la prima volta ma non ha la forza per rimettere di nuovo in equilibrio nel finale, nonostante abbia le occasioni per farlo.

A Colonia finisce 3-2 per gli spagnoli, che si dimostrano squadra abbonata all’Europa League: sei finali, sei successi, mai nessuno nella storia ha alzato l’ex Coppa Uefa così spesso. Doveva essere la serata di Lukaku e di Lautaro, ma alla fine è la serata di Luuk De Jong, che con una doppietta ribalta la partita, e di Diego Carlos, che in rovesciata trova la fortunosa deviazione proprio di Lukaku, trasformatosi in protagonista negativo.

Ma sono tanti a fare flop nella serata tedesca, dallo stesso Lautaro fino ad Eriksen, entrato probabilmente troppo tardi ma senza comunque riuscire a fare la differenza. L’Inter si squaglia all’ultimo passo, quello decisivo, per fare il salto di qualità e per riportare il primo trofeo europeo nella bacheca dopo dieci anni: quello che è già avvenuto spesso durante la stagione, lì dove la squadra di Conte deve ancora crescere e nemmeno poco.’

“Prima di tutto, grazie agli operatori medici di tutto il mondo, per averci permesso di essere qui e di continuare le nostra vite. Senza queste persone non potremmo essere qui. quindi questa serata la dedichiamo ai loro sforzi”. Il presidente dell’Inter Steven Zhang, intervistato da Sky Sport dopo Siviglia-Inter, comincia con una dedica che gli sta particolarmente a cuore.
“Il bilancio della stagione credo sia molto positivo – dice ancora Zhang -: siamo su un percorso che ci ha permesso di arrivare in finale e di lottare per vincerla. Un paio di anni fa non avremmo immaginato tutto questo. Lo staff dentro e fuori del campo ha fatto un ottimo lavoro. Vincere o perdere fa part del calcio, ma l’essere arrivati in finale e avere dato tutto ci rende ottimisti”.

Ma tra poco parte la nuova stagione: cosa si aspetta Zhang? “Adesso ci riposiamo, la squadra lo merita – risponde il presidente -. Nelle prossime settimane penseremo al futuro. Ogig non ha funzionato, ma ci riproveremo l’anno prossimo, questo è il bello delle competizioni”. Ma Conte? “Devo riconoscere che l’allenatore e il suo staff, e tutti i giocatori, stanno facendo un grande lavoro. Ora ci riposeremo e poi useremo il tempo per pianificare il futuro” (ANSA).

“Adesso ci prenderemo due-tre giorni di vacanza, e a mente fredda ci incontreremo, è giusto così. Si farà poi una disamina della stagione, di tutto. In maniera serena cercheremo di pianificare eventualmente il futuro dell’Inter, con o senza di me”. Così Antonio Conte, dai microfoni di Sky Sport, dopo Siviglia-Inter. “Non penso che questo lo dobbiate dire voi .- dice ancora -. E’ giusto prendersi due giorni, riposare tutti. Bisogna prendere la decisione migliore per il bene per l’Inter, non c’è astio. Ci sono vedute diverse. Ringrazio per quest’opportunità, allenare l’Inter ne è valsa la pena”. (ANSA).