Il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha accolto oggi, all’aeroporto di Malpensa, la bandiera olimpica con cui si sancisce il vero inizio dei Giochi Invernali 2026 .

Il vessillo a cinque cerchi, accompagnato in Italia dalla delegazione di atleti di ritorno dalle Olimpiadi di Pechino, è stato sventolato dal governatore della Lombardia, salito sulla scaletta utilizzata per la discesa dei passeggeri dell’aeromobile.

“Ringrazio di cuore i nostri atleti che – ha evidenziato il governatore Fontana – sono i veri interpreti di questo grandissimo evento”. “Da oggi – ha continuato – abbiamo gli occhi del mondo puntati addosso, perciò dobbiamo lavorare sodo per centrare un traguardo storico. Sono sicuro che riusciremo a fare una grande Olimpiade: sarà anche un’Olimpiade nuova, che si svolgerà su due siti diversi e sarà sostenibile”.

“È la prima volta nella storia, infatti – ha aggiunto – che i Giochi Olimpici Invernali vengono ospitati da due territori invece che in una città, come è sempre stato finora. Un’occasione unica dunque, per la Lombardia, per mostrare quanto siamo efficienti insieme e appassionati di sport e delle nostre due terre”.

“Ciò significa affrettare la realizzazione delle opere, fondamentali per le competizioni e per il collegamento dei territori: quel che resterà – ha concluso il governatore – saranno proprio le infrastrutture, una legacy fisica indispensabile e importante, in ottica di sviluppo turistico del nostro nord”.

“Finalmente è arrivata la bandiera in Italia – ha detto il sottosegretario Rossi – adesso bisogna essere concentrati sul risultato e andare avanti come gli atleti, per step e per obiettivi. Quattro anni sembrano lontani – ha puntualizzato – ma per tutti è invece un traguardo assai vicino, lo è per gli atleti come per gli organizzatori e per tutti i soggetti attuatori. Dobbiamo dunque lavorare assieme e con entusiasmo, perché saranno migliaia le persone coinvolte e migliaia coloro che assisteranno all’evento”. (LNews)