Il cielo in una stanza all’organo della Chiesa di San Carlo al Lazzaretto.

0
125
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

Dal 22 settembre al 25 ottobre, ogni giorno, cantanti professionisti si alterneranno all’organo della Chiesa di San Carlo al Lazzaretto, a Milano, in un arrangiamento della celebre canzone di Gino Paoli, Il cielo in una stanza, che si ripeterà ininterrottamente per sei ore al giorno. E’ il progetto The Sky in a Room dell’artista islandese Ragnar Kjartansson voluto dalla Fondazione Nicola Trussardi e concepito in seguito al lockdown.

Dopo i mesi di quarantena, la performance di Kjartansson – spiegano dalla Fondazione Trussardi – può essere letta come un poetico memoriale contemporaneo: un’orazione civile in ricordo dei dolorosi mesi passati a immaginare il cielo in una stanza.

Anche la scelta della location non è casuale: The Sky in a Room – performance inizialmente commissionata da Artes Mundi e dal National Museum of Wales di Cardiff, con il supporto del Derek Williams Trust e dell’ArtFund – per questa presentazione verrà messa in scena nella Chiesa di San Carlo al Lazzaretto, un luogo la cui storia è intimamente legata a precedenti epidemie, dalla peste del 1576 a quella del 1630, resa celebre da I promessi sposi di Alessandro Manzoni.

“Il cielo in una stanza è l’unica canzone che conosco che rivela una delle caratteristiche fondamentali dell’arte: la sua capacità di trasformare lo spazio.” spiega l’artista. “In un certo senso, è un’opera concettuale. Ma è anche una celebrazione del potere dell’immaginazione – infiammata dall’amore – di trasformare il mondo attorno a noi. È una poesia che racconta di come l’amore e la musica possano espandere anche lo spazio più piccolo, fino ad abbracciare il cielo e gli alberi… L’amore sa leggere ciò che è scritto sulla stella più lontana, diceva Oscar Wilde”.

Ex musicista, dal 2007 Kjartansson si dedica interamente alle arti visive, ma i rapporti con la musica e con il teatro – come strumenti espressivi e universi sentimentali – restano centrali in molte sue opere. Per realizzare la performance, la Fondazione sta cercando musicisti che sappiano cantare e contemporaneamente suonare l’organo. (ANSA).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here