Squilla iPhone in Questura, è il proprietario a cui l’hanno rubato, indagato marocchino.

Una veduta esterna della Questura di Milano, dove un ispettore della Polizia di Stato si e' tolto la vita sparandosi con un colpo di pistola, 23 dicembre 2012. L'uomo oggi era di turno. A trovarlo, riverso a terra, sarebbe stato un collega arrivando negli uffici della Mobile. Non è chiaro, al momento, se l'uomo abbia lasciato detto o scritto qualcosa. Secondo alcune indiscrezioni sarebbe stato trovato un foglio, o una lettera, ma gli accertamenti sono in pieno corso e al momento il particolare non ha trovato conferma. ANSA/DANIELE MASCOLO Suicidio negli uffici della squadra mobile della questura di via fatebene fratelli. Ispettore di polizia si spara un colpo di pistola . Milano, domenica 23 dicembre 2012. ANSA/DANIELE MASCOLO

Il telefono è suonato nel momento e nel posto sbagliato: è stato lo squillo dell’Iphone a far indagare per ricettazione un ragazzo marocchino, che era stato fermato per un controllo dalla polizia ieri pomeriggio in centro a Milano.

Era insieme a un connazionale di 27 anni, che aveva addosso una carta di identità francese falsa e per questo è stato arrestato.

Una volta in questura, è squillato il telefono: era il proprietario dell’Iphone, che ha chiamato il suo numero sperando di ritrovare lo smartphone. Gli hanno risposto gli agenti, cui l’uomo ha raccontato di aver appoggiato il telefono su un muretto, in via Dante, e di essersi accorto che non c’era più.

    (ANSA).