Il discorso di fine anno di Mattarella.

0
374

“Non dobbiamo aver timore di manifestare buoni sentimenti che rendono migliore la nostra società”. In un Italia ripiegata su se stessa, spaventata dall’altro ed indurita nei giudizi, Sergio Mattarella sceglie di parlare agli italiani di sentimenti. Una scelta quasi rivoluzionaria in questa notte di san Silvestro che ci traghetta nel 2019 dopo un anno vissuto nevroticamente dalla politica, denso di tensioni sociali e casi di cronaca. In 14 minuti dal suo studio “alla Palazzina” il presidente della Repubblica parla veramente agli italiani mirando al cuore, cercando di risvegliare quel senso di comunità che è la cifra del suo settennato. Lo fa con il suo tono garbato, evitando punte polemiche e attacchi diretti alle forze politiche. Ma senza evitare gran parte dei temi caldi, sia quelli che hanno animato il dibattito politico sia quelli che agitano i sonni dei cittadini.

Abbassare i toni per ritrovarsi italiani, innanzitutto. “Sentirsi comunità – premette sin dall’inizio Mattarella – significa responsabilità, perché ciascuno di noi è protagonista del futuro del nostro Paese. Ma vuol dire anche essere rispettosi gli uni degli altri. Vuol dire essere consapevoli degli elementi che ci uniscono e nel battersi, come è giusto, per le proprie idee rifiutare l’astio, l’insulto, l’intolleranza, che creano ostilità e timore”. Comunità è la parola chiave di questo quarto messaggio di Mattarella. E su questo concetto insiste: “sentirsi “comunità” significa condividere valori, prospettive, ma anche diritti e doveri.

Il capo dello Stato piuttosto che tracciare un bilancio del 2018 preferisce proiettarsi nel 2019 ma non può – e non vuole – evitare di togliersi un sassolino che gli è stato rifilato proprio alla vigilia: il “ritardissimo” nell’approvazione della legge di Bilancio. “Mi auguro vivamente che il Parlamento, il Governo, i gruppi politici trovino il modo di discutere costruttivamente su quanto avvenuto; e assicurino per il futuro condizioni adeguate di esame e di confronto”, premette il presidente che poi aggiunge: “la grande compressione dell’esame parlamentare e la mancanza di un opportuno confronto con i corpi sociali richiedono adesso un’attenta verifica dei contenuti del provvedimento”. Il che tradotto significa che non tollererà più un esautoramento del Parlamento e che adesso spetterà anche al Quirinale vigilare sul dispiegarsi della manovra che necessità ancora dei decreti di attuazione.

Chiuso l’unico passaggio politico Mattarella torna ai sentimenti, ai diritti e ai doveri della “comunità”. E uno dei sentimenti che agitano gli italiani è proprio la paura. Il presidente non ci gira intorno e subito chiarisce che è semplicemente un diritto di tutti. “La domanda di sicurezza è particolarmente forte in alcune aree del Paese, dove la prepotenza delle mafie si fa sentire più pesantemente. E in molte periferie urbane dove il degrado favorisce il diffondersi della criminalità”. Per cui “non sono ammissibili zone franche dove la legge non è osservata e si ha talvolta l’impressione di istituzioni inadeguate, con cittadini che si sentono soli e indifesi”. Ma non è tutto così semplice e il capo dello Stato cerca di indurre riflessione agli italiani in attesa di stappare lo spumante: infatti “la vera sicurezza si realizza, con efficacia, preservando e garantendo i valori positivi della convivenza”.

“Sicurezza – aggiunge – è anche lavoro, istruzione, più equa distribuzione delle opportunità per i giovani, attenzione per gli anziani, serenità per i pensionati dopo una vita di lavoro”. E, prima di congedarsi, augura buon anno, assieme agli italiani in patria e all’estero, anche “ai cinque milioni di immigrati che vivono, lavorano, vanno a scuola, praticano sport, nel nostro Paese”. (ANSA)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here