Il cadavere della donna trovato a Temù, nel Bresciano, è stato recuperato nel fiume Oglio a circa 500 metri più a sud rispetto a dove, nei pressi del torrente Fumevlo, era stata trovata a metà maggio scorso una scarpa da montagna appartenuta a Laura Ziliani, la 55enne svanita nel nulla l'otto maggio scorso. ANSA/FILIPPO VENEZIA

Una ciste sotto il piede destro. È bastato questo elemento a stabilire che il corpo ritrovato domenica a Tenù, in provincia di Brescia, è di Laura Ziliani, l’ex vigilessa 55enne scomparsa lo scorso 8 maggio.

È quanto emerge dall’autopsia. Sul corpo non ci sono segni di violenza.

Serve un’analisi degli organi interni per valutare l’ipotesi avvelenamento. Il cadavere aveva anche gli orecchini riconosciuti dai parenti. (ANSA).