Presi per la gola a cena in Enoteca, venerdì 2 ad Orzinuovi con Edoardo Raspelli.

352

Una mousse di formaggio di pecora ed un pecorino stagionato da andar giù di testa, una tartare di carne cruda ed un’insalatina di bollito che così non avete mai assaggiato in vita vostra (anche perché è di Razza Bovina Piemontese, la Ferrari della carne), un grande (ma non famoso come si meriterebbe) vino rosso della lombarda provincia di Brescia, un cucchiaino di mieli diversi per confrontare aromi profumi e consistenze…
Tutto questo sarà presentato dal ”cronista della gastronomia”, Edoardo Raspelli, in una struttura singolare, imponente, elegante, professionale, diversa dal solito: l’enoteca L’Ottagono che la famiglia Prandelli ad Orzinuovi (Brescia) ha creato e che dirige Damiano Palumbo. Al fianco di Edoardo Raspelli, Isabella Saladino.
Venerdì 2 dicembre alle 21, a Orzinuovi ( Brescia), in via Adua 42, si svolgerà la serata: “Le Eccellenze del Territorio”

Gli artigiani presenti con le loro eccellenze sono:

Simona Tarenghi, dell’azienda agricola Bianchessi di Quintano (Cremona) che presenterà:
Mousse spalmabile
Pepita
Pecorino del Gerundo
Simona Tarenghi è pastore con grande passione per le pecore. Il suo gregge è di 300 capi: da alcuni anni ha un suo piccolo laboratorio per la produzione di formaggi e per la vendita della carne.

Danilo Cazzamali manda avanti la celeberrima macelleria che porta il suo cognome, appunto Cazzamali, a Romanengo (Cremona) con i suoi familiari, Franco Raffaella e Marco. Presenterà:
Essentia (cruda di Cazzamali)
Insalatina tiepida di bollito
Macellai storici, grandi esperti selezionatori di carne di Fassona di Razza Piemontese e di tutti i suoi tagli.

Alessandra e Rossella Noventa dell’azienda agricola Noventa Pierangelo di Botticino (Brescia) presenteranno:
Botticino DOC Vigna Gobbio 2018 – Tre Bicchieri Gambero Rosso
Botticino DOC Pià de la Tesa 2018
Pierangelo Noventa, piccolo vignaiolo appassionato del suo territorio, Botticino, e del vino che produce. Il Botticino un tempo veniva chiamato il “Barolo della Lombardia”. Pierangelo, con il suo Botticino Gobbio ha raggiunto le vette dell’enologia. Ne parleranno Alessandra e Rossella Noventa.

Sergio Zipoli dell’ Apicoltura Zipoli di Romanengo (Cremona) presenterà:
Miele italiano millefiori di alta montagna, delle Alpi – Presidio Slow Food
Miele italiano di rododendro – Presidio Slow Food
Miele italiano di tarassaco
Sergio Zipoli è una persona semplice, umile, ma altamente professionale. E’ un apicoltore nomade, sposta i suoi alveari nel territorio giusto, al momento giusto. Dispone di una sala di smielatura, dove realizza i suoi mieli territoriali di alta qualità.
———————————————————————————————–
Il costo della serata è di 40 euro. L’acconto da versare all’atto dell’iscrizione è di 20 euro.
Iban: IT64W0839354850002000010183
C.R.A. di Borgo San Giacomo filiale di Orzinuovi
www.prandellisrl.it
info@prandellisrl.it
Tel. 030.941502
Fax 030.9941328
——————————————————————————————————————————————————

PRANDELLI E LA SUA STORIA

Lombardia, provincia di Brescia: ad Orzinuovi, terra di confine storica tra le Repubblica di Venezia e il Ducato di Milano, oggi confine tra la provincia di Brescia e quella di Cremona, agli inizi del 1900 nasce, ad opera di Luigi Prandelli, la ditta Prandelli, azienda dedita alla produzione di spuma e gazzosa, ma anche alla commercializzazione di acque minerali, bibite e depositaria della storica birra Wuhrer di Brescia. Gli anni passano e il territorio della Bassa Bresciana da agricolo si trasforma in agricolo-industriale. Tanti sono i capannoni che caratterizzano nel tempo il profilo dei paesi. Mario Prandelli, figlio del fondatore, realizza la nuova sede nella periferia di Orzinuovi, dandole il nome di “Prandelli Drink System”: un’ azienda moderna, dinamica, con una sede elegante e di prestigio. Una realtà che si dimostra al servizio del cittadino e di tutti i ristoratori, per qualsiasi esigenza collegata al mondo beverage. Ora, l’azienda è alla quarta generazione, gestita dai due fratelli Donata e Flavio, con i rispettivi figli.

GRANDI BOTTIGLIE
CON CUCINA ACCANTO

Nella sede dell’azienda è stato aperto un punto vendita, l’ enoteca Ottagono, rivolta al pubblico. È stata inoltre realizzata una cucina professionale con sala, attrezzata per i numerosi eventi organizzati dalla ditta.
Oggi Prandelli organizza a cadenza settimanale, il sabato pomeriggio, degustazioni guidate. Ogni mese si svolge un “incontro d’autore”, con una degustazione in compagnia di una cantina o di un produttore. Sempre a cadenza mensile viene organizzata anche una “monografia di cucina”, una cooking class in compagnia del professore e chef Mauro Spelgatti.
Tanti sono gli agenti commerciali presenti sul territorio, tanti sono i mezzi di trasporto che garantiscono un servizio di consegna rapido ed efficiente. La ditta ha subito un restyling moderno ed elegante nel 2005, anno che segna anche la nascita del punto vendita rivolto al pubblico, appunto l’enoteca Ottagono.
L’enoteca seleziona e propone vini, sia italiani sia esteri, con un range di prezzo estremamente variabile, ma anche, liquori e delicatesse, tutte eccellenze del territorio accuratamente selezionate.

GLI EVENTI DELL’OTTAGONO

L’enoteca Ottagono svolge vari servizi per la clientela: personalizzazione di bottiglie, degustazioni su misura, buoni regalo per le serate vino e cibo…
L’ Ottagono dispone inoltre di un’ampia sala eventi, dove si organizzano a cadenza mensile incontri d’autore con personaggi del mondo del vino, della liquoristica, presentazioni di libri di enogastronomia.
Queste iniziative sono iniziate nel 2010 e, negli anni, si sono susseguiti nomi celebri del mondo enologico e non solo: il marchese Anselmo Guerrieri Gonzaga della Tenuta San Leonardo in Trentino; Elena Walch, storica produttrice di vini alto atesini; Danielo Vestri, mastro cioccolataio; l’ azienda Pio Cesare delle Langhe; Livio Felluga dal Friuli; Gualberto Martini, storico capraio camuno; molte aziende di Franciacorta, tra cui Cavalleri, Bellavista, Monterossa, La Montina, Uberti. E ancora, Massimo Bonini, maestro del caffè dell’azienda Lady Caffè; il Malghese della Valtaleggio, Guglielmo Locatelli, “Strachitund”; Silvio Zanini, affinatore di formaggi di Collio; l’azienda Col d’Orcia di Montalcino.
Memorabile la serata “Ice Wine”, con vini del ghiaccio dell’azienda canadese Inniskillin.
Numerose anche le serate a tema Champagne, in compagnia delle maggiori maison francesi: Lanson, Mumm, Moet Chandon, Mailly. Non sono mancati, nel corso degli anni, anche incontri dedicati a grappa, whisky, rum e gin.
Sempre a cadenza mensile vengono organizzate anche delle monografie di cucina, vista la disponibilità, all’interno della struttura, di una sala eventi e una cucina professionale attigua. Le lezioni di cucina hanno affrontato le ricette più svariate: risotti, paste, pesce di acqua dolce e di mare, bolliti, torte salate, pasticceria e tante altre ancora.
Come insegnante, lo chef bergamasco Mauro Spelgatti, docente di cucina alla scuola alberghiera di San Pellegrino (Bergamo). Tutte le serate organizzate si svolgono su prenotazione e sono aperte al pubblico appassionato di cucina, indistintamente dal grado di preparazione. Durante ogni lezione vengono preparati tre piatti e un dolce a sorpresa. Ogni preparazione è accompagnata al giusto vino. Al termine della serata, inoltre, le ricette sono rese disponibili a tutti i partecipanti.
Ogni settimana, il sabato pomeriggio, vengono organizzate delle degustazioni guidate aperte al pubblico. Tanti sono i vini degustati in questi anni. L’ultimo evento ha visto come protagonista il Ripasso della Valpolicella.
Oggi, l’azienda è giunta alla quarta generazione, gestita dai due fratelli Donata e Flavio, con i rispettivi figli. Una realtà solida, che vende e distribuisce i suoi prodotti a ristoranti, alberghi, bar, strutture pubbliche e privati in tutto il territorio.

SPUMANTI E CHAMPAGNE
Ma come funziona l’Enoteca Ottagono di Orzinuovi ?! Quali le bottiglie più significative ?!
Gli spumanti sono tanti, dalla Franciacorta, al Trento, all’Oltrepò Pavese. Svariati anche i prosecchi nelle varie tipologie Brut, Demi-Sec e altri.
Della Franciacorta si trovano il famoso “Vittorio Moretti” e il “Teatro alla Scala” di Bellavista, “Annamaria Clementi” di Ca’ del Bosco, il “Magnificenza” di Uberti, il “Cabochon” di Monterossa. Dal Trentino, la linea “Perlé” di Ferrari, mentre dall’Oltrepò Pavese il premiato “Brut Nature” di Monsupello.
Lo Champagne è rappresentato dalle più prestigiose cantine e dai nomi più celebri: Krug, Dom Perignon il Cristal, il raffinato Armand de Brignac, lo storico Ruinart, il Bollinger, la Belle Epoque di Perrier Jouet e la Lanson, fornitore della corona inglese. Spazio dato anche a piccole cantine, come Faniel, Devallin, Desgencieres, Pol Cochet.

VINI BIANCHI
La carta dei vini bianchi comprende gli alto atesini di Elena Walch, della Cantina Tramin, di Nals Margreid, di St. Michael-Eppan. Presente anche la storica Ribolla in anfora di Gravner, il “Timorasso” de La Spinetta, il Capichera Vendemmia Tardiva, “Uccellanda” e “Convento dell’Annunciata” di Bellavista e molti altri…

VINI ROSATI
In enoteca uno spazio è dedicato anche ai rosati, dal “Tramari” del Salento, allo “Scalabrone” di Bolgheri, dal “Diamante” di Comincioli al “Rosamara” di Costaripa, dal raffinato ed esclusivo “Molmenti” di Costaripa, al ”Ott” Chateau Romassan, il più esclusivo rosato di Francia.

VINI ROSSI
Tra i vini rossi si possono annoverare etichette celebri: lo storico Barbacarlo di Lino Maga, il Barolo “Monfortino” di Giacomo Conterno, il Barolo “Vigna Rionda” di Massolino, il “Faro” dello Stretto di Messina di Palari, i grandi Etna “Fragore” e “Contrada Marchesa” di Donnafugata, l’ Aglianico del Vulture in anfora “Titolo” di Elena Fucci, il Brunello di Montalcino “Vigna Schiena d’Asino” e “Vigna Loreto” di Mastrojanni. E ancora, i Barbareschi de La Spinetta, il Barbaresco di Angelo Gaja, i grandi Supertuscan: Tignanello, Ornellaia, Solaia, Sassicaia, Guado al Tasso…

VINI DOLCI
Ricco anche lo spazio dedicato ai passiti, vini da dessert come la “Malvasia delle Lipari” di Hauner, i moscati di Pantelleria di Salvatore Murana, il “Palmargentina” dI Costaripa, il “Muffato della Sala” di Antinori, il “Cashmere” di Elena Walch, il “Moscato Rosa” di Franz Haas e i francesi Sauternes .

I DISTILLATI
Una sala dell’enoteca è dedicata ai distillati da tutto il mondo. Dalle grappe di Berta, a quelle di Romano Levi, fino ai distillati di frutta del grande Capovilla. E ancora, i grandi cognac Hennessy, i “Martel XO” e i “Camu XO” nelle loro eleganti confezioni regalo.
Varia anche la scelta di armagnac e bas armagnac, che, con un’adeguata tempistica di prenotazione, sono disponibili in cassetta di legno dall’anno 1900 fino al 2001. Non mancano anche i “Dartigalongue, i “Labaude e i “Samalens”.
Per gli appassionati, la tequila di Patron di Sauza, le cachaça, i Calvados di Morin. Numerosi anche i rum, dal Diplomatico al Santa Teresa, allo Zacapa XO, al Don Papa, al Milionario e a tanti altri.
Molto fornita l’enoteca anche di gin da tutto il mondo: il Nordes, l’Ondina, il Gin Mare, il Gin del Professore, il Malfy, l’Aviation, il giapponese Roku e tanti altri ancora, per un totale di circa 100 referenze.
Il whisky occupa uno spazio di valore con bottiglie dalle più importanti zone di produzione canadesi, irlandesi e americane: il Macallan, l’Aberlour 16 anni, il Caol Ila 18Y, il Cardhu 12Y, i Glen Livet 12-15-18-21Y, il Glenmorangie 10Y, i giapponesi Hibiki e Nikka, l’indiano Amrut, solo per citarne una minima parte.
Molti sono gli amari e i liquori da ogni dove: assenzio La Fée Absinthe, Chartreuse verde e gialla, Hierbas Ibicencas, Pisco Pernano Porton Acholado, Rosolio Carlotto, liquore al caffè della cantina Lunae e molti di più. Le vodka chiudono questa ampia esposizione con molte etichette di varie distillerie.