Sophie Freud: come era mio nonno.

69

di Apostolos Apostolou

È morta a 97 anni Sophie Freud, ultima nipote sopravvissuta di Sigmund Freud. Sophie era  fuggita dall’assalto nazista in Europa rifugiandosi  negli Stati Uniti dove ha iniziato a lavorare come professoressa e assistente sociale psichiatrica, mettendo in discussione il fondamento terapeutico delle teorie psicoanalitiche di suo nonno Sigmund definendole «indulgenze narcisistiche».

E. Roudinesco scriveva che «Freud s’interessa a un mondo sfuggente quasi magico, ma al contempo vuole costruire un sistema di pensiero come una scienza. Il lato affascinate è proprio questo oscillare di continuo tra poli opposti. Era affascinato dalla lotta di Giacobbe con l’angelo. Animato da questa dialettica, è sempre intento a combattere contro l’ombra di se stesso. Insomma, era un uomo dell’illuminismo che s’interessava alle forze dell’irrazionale per portarle dalla parte dei Lumi».

Freud era   un uomo, con inevitabili residui nevrotici con una incredibile forza dell’Io.  Il termine “Narcisismo” venne utilizzato per la prima volta nel 1898 dall’americano Havelock Ellis, che, con “narcissus-like” , aveva indicato l’atteggiamento psicologico da parte di queste persone del ripiego su se stesse.Successivamente, Nacke introduceva il termine “Narcismus” , come espressione di una “perversione” sessuale. S. Freud utilizzò il termine per la prima volta nel 1909: l’assunzione della propria persona come oggetto d’amore, stadio intermedio necessario fra l’autoerotismo infantile e l’amore oggettuale (Sigmund Freud 1909-1924: Opere voll.  Edizione italiana – Torino 1989).

Secondo Freud esiste il narcisismo primario e il narcisismo secondario. Il Narcisismo primario costituisce uno stadio precoce in cui il bambino investe tutta la sua libido su se stesso. Il Narcisismo secondario designa, invece, un ripiegamento sull’Io della libido, che verrebbe sottratta agli investimenti oggettuali. Cosi secondo Sophie Freud  suo nonno coltivò entrambi gli stadi del narcisismo con riverenza.

 

Apostolos Apostolou. Scrittore e professore di filosofia.