Nell’Antro di Efesto a fonder linguaggi, presentazione del libro di Giorgio Riva mercoledì 18 al Museo della Permanente.

284

NELL’ANTRO DI EFESTO a fonder linguaggi di Giorgio Riva

Mercoledì 18 maggio alle ore 19 al Museo della Permanente, Via Turati 34 Milano

Con l’autore interviene Annamaria Ravagnan, Vicepresidente Museo Tre Tetti e membro del Comitato Probiviri di ICOM Italia

Modera Stella Casiraghi, autrice della prefazione  

Giorgio Riva è un architetto che coltiva l’arte fin dagli esordi, guardando alle radici dei linguaggi e alle articolazioni della mente.

 

“Nella confusa temperie delle culture che regna attualmente è fondamentale essere vigili e pronti a navigare controvento. La mia rotta mi ha condotto su un dosso del Parco di Montevecchia a fare un luogo destinato all’intreccio delle arti”. Villa 3 Tetti di Sirtori non è tanto una raccolta di opere, è piuttosto un’opera complessiva dentro la quale si cammina. Arte del paesaggio, arte della luce, architettura, scultura, pittura vi s’intrecciano con poesia e musica: qui il vero protagonista è il metalinguaggio che le unisce.

 

Nato a Milano nel 1933, Giorgio Riva compie qui gli studi classici e si laurea in architettura nel 1959. Assistente di Ernesto N. Rogers al Politecnico, esercita la professione di architetto nutrendo contemporaneamente i poliedrici interessi: pittura, scultura, musica, antropologia e linguistica. Accanto agli scritti teorici e alle sue Lezioni politecniche, conduce molteplici sperimentazioni sul piano artistico che hanno importanti esiti fra cui i foglio-plasma e gli xilo-plasma, le sculture luminose e le opere di pittura informatica fusa con il suono.

 

Villa 3 Tetti di Sirtori, da lui progettata nel 1969, è divenuta oggi la sua Casa-Museo aperta al pubblico e centro di ricerca artistica.

 

 

 

Obbligatoria mascherina FFP2.