Giovanni Falcone, Paolo Borsellino. 30 anni dopo, mercoledì 15 alla Centrale dell’Acqua MM per La Milanesiana.

72

LA MILANESIANA, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, arriva mercoledì 15 giugno alla Centrale dell’Acqua MM di Milano (Piazza Diocleziano, 5 – M5 Gerusalemme) con l’appuntamento dal titolo “Giovanni Falcone, Paolo Borsellino. 30 anni dopo”: a trent’anni di distanza dalle stragi di Capaci e via D’Amelio, si terrà un importante incontro per ricordare, e mai dimenticare, i due magistrati. In dialogo, ci saranno Claudio Martelli, Livia Pomodoro e Giangiacomo Schiavi. Saluti istituzionali di Luca Montani (Direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali MM S.P.A.) e introduzione di Elisabetta Sgarbi.

 

Inizio ore 18.00. Ingresso gratuito su prenotazione al link www.eventbrite.it/e/biglietti-giovanni-falcone-paolo-borsellino-30-anni-dopo-363007554367

 

In collaborazione con MM S.P.A.

L’appuntamento sarà visibile anche in streaming su Corriere.it e sul canale La Milanesiana.

 

Claudio Martelli

Milanese, ha insegnato Filosofia all’Università Statale. Amico di Bettino Craxi, di cui era considerato il delfino, è stato deputato italiano ed europeo. Vicesegretario socialista negli anni Ottanta, il suo discorso su Il merito e il bisogno resta la pietra miliare del rinnovamento liberale del PSI. Promotore con i radicali del referendum sulla giustizia giusta e di quello sul nucleare, divenuto Vicepresidente del Consiglio e Ministro della giustizia, scelse come collaboratore Giovanni Falcone e con lui varò le principali leggi antimafia. Prima con la legge sull’immigrazione, poi con l’associazione Opera e, dal 2010, con Lookout – la prima web tv multiculturale – ha promosso l’integrazione degli immigrati e i diritti dei rifugiati. Giornalista, autore e conduttore televisivo, vive e lavora tra Roma, Milano e Berlino. Ha pubblicato l’autobiografia Ricordati di vivere (2013), L’antipatico. Bettino Craxi e la Grande Coalizione (2020) e Giovanni Falcone. Vita e Persecuzione (2022).

 

Livia Pomodoro

Entra in magistratura nel 1965. È stata: Giudice e Sostituto procuratore generale alla Corte di Appello di Milano; Procuratore della Repubblica al Tribunale per i Minorenni di Milano; Vice capo di Gabinetto e Capo di Gabinetto del Ministero della Giustizia; Presidente del Tribunale per i Minorenni di Milano; Presidente del Tribunale di Milano.

Presidente della Fondazione Centro Nazionale di Prevenzione e Difesa Sociale fino al 2017, nel 2013 è stata insignita del Cavalierato della Legion d’Onore della Repubblica Francese e le è stata conferita dal Presidente della Repubblica la Medaglia D’Oro dei benemeriti della Scuola, della Cultura e delle Arti.

Dal 2014 è Presidente del Milan Center for Food Law and Policy e dal 2015 è componente del CdA dell’Università Bicocca e nello stesso anno è nominata Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito della Repubblica italiana.

Dal 2016 è componente del Consiglio Direttivo del Touring Club Italiano e membro del CdA di Banca Intesa San Paolo S.p.A.

È Presidente dell’Accademia di Belle Arti di Brera e titolare della Cattedra UNESCO “Food Systems for Sustainable Development and social inclusion: access and law” presso l’Università Statale di Milano.

Dal 2021 è Presidente dell’Advisory Board del Progetto sul settore del Gioco realizzato da Ipsos e Luiss Business School nell’ambito dell’Osservatorio sui mercati regolati.

È Presidente dello Spazio Teatro No’hma-Teresa Pomodoro.

Gli scritti più significativi: Nuovo Codice di Procedura Penale per i Minori (1988); A quattordici smetto (2004); Rispettare l’altro Beati quelli che giudicheranno sé stessi (2014); Manuale di Ordinamento giudiziario (2012); Manuale di diritto di famiglia e dei minorenni; Expo 2015: un’eredità carica di futuro (2015), con Antonio Bettanini.

 

Giangiacomo Schiavi

È stato capocronista e vicedirettore del “Corriere della Sera”, dove è editorialista e titolare della rubrica di lettere Noi cittadini. Tra i suoi libri, Ho ammazzato Gigi RizziSani per scelta (con Edoardo Boncinelli), Controvento (con Ambrogio Fogar), Ancora giovani per essere vecchiMedici umani, pazienti guerrieriBuone notizieMeno male Il mistero della «Notte». Una diagnosi per Michelangelo. Per il suo viaggio-inchiesta in camper nelle periferie di Milano ha ricevuto l’Ambrogino d’oro.