Yakar, i Kora Beat presentano il loro nuovo album domenica 8 a Il Tempo delle Donne.

0
561
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

Domenica                      8 settembre 2019                ore 21:00 – @ IL TEMPO                        DELLE DONNE                C.I.Q. Centro                        Internazionale di Quartiere, via Fabio Massimo                        19 _ MILANO (MI)                Ingresso ad offerta                        libera                Presentazione                      live del nuovo album                “YAKAR”                 (uscito                      il 28 febbraio 2019 su                        etichetta K-BROTHERS, distribuzione                      EGEA MUSIC)

Yakar: speranza.
Il titolo del nuovo lavoro discografico dei KORA BEAT non poteva che essere questo,
visto che Yakar racconta e suona la speranza.
I testi delle canzoni narrano storie, storie che partono dal Senegal e dai paesi vicini, e
viaggiano sino ad arrivare a noi con l’intento di trasmettere un chiaro messaggio:
qualunque cosa sia successa, si può ricominciare. Insieme.
Cheikh Fall, voce dei KORA BEAT, è molto legato alle tradizioni artistiche e religiose
africane, le quali risultano un fondamentale, saldo punto di partenza per sperimentare altri
mondi, musicali e non. Ed è proprio dall’incontro tra culture artistiche, tra la musica
tradizionale senegalese e la cultura musicale occidentale, che nascono i KORA BEAT.
Nel loro sound la kora, strumento fondante della tradizione musicale africana centro-
occidentale, intrattiene un dialogo costante con il sax di Gianni Denitto, che, in costante
equilibrio tra jazz ed elettronica, è in grado di spostare il discorso musicale su un nuovo
livello.
Anche le percussioni di Badara Dieng (non solo djembè, ma anche sabar, bougarabou,
xine e la tama) sostengono la ritmica insieme al basso di Andrea Di Marco, fondendo stili
diversi e rivelandosi in perfetto equilibrio nella batteria di Samba Fall, capace di
rispondere allo stesso tempo alle chiamate delle percussioni e creare groove afrofunk con
il basso.
Tutti questi incontri si ritrovano nei testi, che affrontano anche difficili passaggi come i
viaggi della speranza dei migranti (che alcuni di loro conoscono da vicino…) e storie di
dolori terribili, che però conducono sempre a un nuovo cammino.
Come la potenza della loro musica, così YAKAR è un vero e proprio grido di speranza.
Provate a gridarlo forte, funziona.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here