Un nuovo disegno di legge potrebbe cambiare la regolamentazione dei mercati delle criptovalute

86

Un nuovo disegno di legge che raccoglie un sostegno bipartisan è l’ultimo tentativo del Congresso di regolamentare i mercati delle criptovalute, notoriamente decentralizzati. Il cosiddetto Responsible Financial Innovation Act si propone di aggiungere ulteriori legami tra alcune criptovalute e le valute fiat. Cosa c’è nella legge e come potrebbe interessarvi?

Cosa c’è nel disegno di legge?

Tra le disposizioni del Responsible Financial Innovation Act, due nuove forme di regolamentazione avranno probabilmente l’impatto maggiore in caso di approvazione della legge.

In primo luogo, il controllo normativo sugli asset crittografici passerebbe alla Commodity Futures Trading Commission. La Commissione regolamenta materie prime come mais e petrolio, ma anche strumenti finanziari come futures, forward e swap. Ciò comporterebbe un grande cambiamento nella regolamentazione degli asset cripto, che tradizionalmente sono stati monitorati dalla Securities and Exchange Commission.

In secondo luogo, le monete stabili subirebbero una perdita di decentralizzazione, in quanto la proposta di legge richiederebbe il supporto di una valuta fiat. Questa disposizione, dettata dal drammatico crollo di Terra, aiuterebbe a prevenire futuri fallimenti, sostengono alcuni proponenti. La proposta di legge richiederebbe anche uno scambio garantito di stablecoin con valuta fiat.

SEC contro CFTC

Il Responsible Financial Innovation Act espanderebbe il dominio della Commodity Futures Trading Commission, o CFTC, per includere gli asset crittografici. A tal fine, il disegno di legge prevede che le criptovalute siano considerate materie prime. Ma i mercati delle criptovalute saranno per sempre liberi dalla SEC? La risposta, come per la maggior parte delle cose, è che dipende.

Per determinare se una criptovaluta debba essere regolamentata dalla SEC o dalla CFTC, il disegno di legge applicherà il cosiddetto test di Howey. Il test in sé risale al 1946, quando la Corte Suprema adottò la misura per determinare quali transazioni si qualificano come titoli. Se una criptovaluta è considerata un titolo, la competenza spetta alla SEC. In caso contrario, la regolamentazione spetta alla CFTC.

Il test di Howey viene applicato caso per caso: dove si collocano le criptovalute più diffuse come Tesla Coin? Che cos’è Tesla Coin? Date un’occhiata al sito ufficiale. Attualmente, la maggior parte delle criptovalute, tra cui Bitcoin ed Ethereum, non sono considerate titoli e sarebbero quindi regolamentate dalla CFTC in base al disegno di legge. Non è ancora chiaro cosa questo significhi in pratica, ma è probabile che gli oneri normativi siano più pesanti.

Il futuro delle monete stabili

Il Responsible Financial Innovation Act cerca anche di proteggere i consumatori dai crolli improvvisi dei prezzi delle stablecoin legandole alle valute fiat. La normativa fa seguito al rapido declino delle monete Terra e Luna, che in teoria avrebbero dovuto fungere da copertura contro la volatilità del mercato.

Un modo per prevenire il rapido declino delle stablecoin è quello di legarle alle valute fiat, secondo gli sponsor della proposta di legge. Le valute Fiat sono valute tradizionali, sostenute dai governi, come il dollaro americano o il franco svizzero. La proposta di legge richiederebbe un supporto 1:1 da parte di una valuta fiat, oltre a maggiori informazioni sulle riserve di liquidità a sostegno dei valori delle stablecoin. Un’altra componente della proposta di legge è la garanzia di riscatto per gli utenti di stablecoin, il che significa che un utente di stablecoin non può vedersi negare la possibilità di incassare la propria stablecoin in cambio della valuta fiat sottostante.

Il prossimo passo

Le reazioni alla legge sull’innovazione finanziaria responsabile variano molto tra gli operatori del settore delle criptovalute. Alcuni rapporti indicano che i lobbisti sono favorevoli alla legge, data la classificazione caso per caso delle criptovalute come materie prime o titoli. Tuttavia, il fatto di legare le stablecoin alle valute fiat potrebbe essere visto con sfavore da altri come un tentativo di centralizzare parte di un mercato notoriamente decentralizzato.

Il disegno di legge è relativamente ampio e non è chiaro se rimarrà intatto o se verrà spezzettato per facilitarne l’approvazione. In ogni caso, la legge non dovrebbe entrare in vigore quest’anno, lasciando ai sostenitori e agli oppositori tutto il tempo necessario per far sentire la propria voce ai propri rappresentanti.