UE, tra libera circolazione e sorveglianza, il 4 ottobre in Camera di commercio si presenta la “Blue Guide” con le nuove linee guida della Commissione Europea.

366

“Blue Guide: Le nuove linee guida della Commissione Europea”, arriva un seminario martedì 4 ottobre 2022 in  Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi,  Sala Consiglio. Il seminario fornirà le conoscenze relative all’immissione e alla sorveglianza di mercato alla luce della nuova versione della Blue Guide pubblicata a luglio di quest’anno. Programma e iscrizioni al link.

Dopo  il benvenuto alle ore 9:00, il seminario inizia alle ore 9:30 con APPLiA Italia e Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, con i saluti iniziali e l’introduzione. Segue l’intervento dell’avv. Claudio Gabriele, Studio legale OLG, su “Immissione sul mercato: controlli in dogana, diritti e obblighi degli operatori, casi pratici. Poi interviene l’avv. Maria Sole Lora, Studio legale OLG, sul tema  “Operatori economici: le novità legislative e le indicazioni sui prodotti, casi pratici. Di seguito interviene la dott.ssa Maria Giulia Di Noia, Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, su “I controlli per la conformità e sicurezza dei prodotti nel commercio fisico ed online”. Conclude la dott.ssa Milena Presutto, Dipartimento DUEE ENEA, su “La conformità dei prodotti: aspetti pratici per l’ecodesign e l’etichettatura energetica”. La conclusione è prevista per le ore 12:30.
Per rendere più chiare le norme in vigore e favorire un’applicazione omogenea, il 29 giugno 2022 la Commissione europea ha pubblicato la “Guida blu all’attuazione della normativa UE sui prodotti 2022”. Si tratta della quarta edizione della Blue Guide, la cui prima versione risale al 2000, con revisioni successive, rispettivamente, nel 2014 e nel 2016. La Guida, che si intende quale documento di puro orientamento, si rivolge agli Stati membri e a tutti coloro che devono essere informati sulle disposizioni intese a garantire la libera circolazione dei prodotti e un livello elevato di protezione in tutta l’Unione, come associazioni di categoria, associazioni di consumatori, organismi di normazione, fabbricanti, importatori, distributori, organismi di valutazione della conformità e organizzazioni sindacali. I prodotti interessati sono quelli non alimentari e non agricoli, definiti prodotti industriali o prodotti destinati all’utilizzo da parte di consumatori o professionisti, quali giocattoli, strumenti di misura, apparecchiature radio, apparecchiature elettriche a bassa tensione, dispositivi medici, prodotti fertilizzanti.