L’adozione da parte di Polygon di prove a conoscenza zero accresce il calore nella corsa alla scalabilità

137

Polygon ha appena fatto una mossa audace: ha sfruttato le tecnologie a conoscenza zero (ZK), una scoperta crittografica, per scalare Ethereum mentre la rete si prepara al suo più grande aggiornamento di sempre.

Il 20 luglio Polygon ha reso pubblico il codice di zkEVM, il suo rollup Layer 2 che utilizza la tecnologia zero-knowledge. Il rollup, una catena di livello 2 che offre transazioni Ethereum a basso costo e ad alta velocità, è pienamente compatibile con gli smart contract di Ethereum Virtual Machine (EVM). Polygon la descrive come “la prima ZK L2 equivalente a EVM”.

Uguale a Ethereum

“Potete costruire su Polygon zkEVM come fareste su Ethereum”, ha scritto Polygon in un post sul blog. “È possibile implementare qualsiasi smart contract di Ethereum. Qualsiasi strumento che funziona con Ethereum funzionerà su Polygon zkEVM”.

Polygon ha aggiunto che presto sarà attiva una testnet per zkEVM.

L’attuale sidechain Proof of Stake di Polygon rappresenta un valore totale bloccato di 1,8 miliardi di dollari, secondo DeFi Llama. Il suo token nativo, MATIC, è il 12° asset crittografico più grande con una capitalizzazione di quasi 7 miliardi di dollari, secondo CoinGecko.

La scalabilità è stata a lungo il principale ostacolo di Ethereum nel suo tentativo di diventare il livello di liquidazione dell’internet del valore. Mentre attualmente Ethereum è in grado di elaborare 10 transazioni al secondo, i suoi sviluppatori sperano di scalare la rete in modo che possa gestire fino a 10 milioni di transazioni al secondo e supportare l’attività economica online di tutto il mondo.

Bobby Ong, cofondatore di CoinGecko, ha dichiarato a The Defiant che le soluzioni zkEVM sono fondamentali per aiutare a scalare Ethereum e sono “un’aggiunta assolutamente necessaria per sostenere il prossimo ciclo del toro”.

“Sembra che questi tre team siano in competizione per il lancio per primi, poiché c’è sicuramente un vantaggio nel guadagnare quote di mercato. Sarà emozionante vedere come questi team competeranno l’uno contro l’altro!”, ha dichiarato.

Layer 2 a basso costo

I rollup sono emersi come l’attuale soluzione principale per scalare Ethereum. Funzionano raggruppando le transazioni eseguite su una rete Layer 2 a basso costo, un po’ come succede su Bitcode Prime, che vengono poi presentate in lotti per la convalida sul livello base di Ethereum. In una recente apparizione su The Defiant Podcast, Justin Drake della Fondazione Ethereum ha stimato che i rollup potrebbero scalare la rete fino a 100 volte.

Arbitrum e Optimism, le prime due soluzioni di scalabilità del Layer 2 per valore totale bloccato (TVL), sfruttano entrambe rollup ottimistici. Questi rollup presuppongono che le transazioni siano accurate, ma consentono ai partecipanti alla rete di contestarle: i validatori che presentano transazioni non accurate rischiano di perdere una garanzia significativa.

Al contrario, la tecnologia a conoscenza zero offre maggiore velocità e privacy, con la pubblicazione sulla blockchain solo dell’ora e della data in cui si è verificata una transazione e con la possibilità per le sole controparti di accedere a ulteriori dati. In un post sul blog di dicembre, Vitalik Buterin, Chief Scientist di Ethereum, ha descritto i rollup ZK come una componente vitale della roadmap di scalabilità di Ethereum per i prossimi anni.

Soluzioni di scalabilità

Crossley ha sottolineato la facilità con cui gli sviluppatori di Ethereum possono implementare il codice esistente nei rollup che offrono la piena equivalenza con gli EVM, osservando che i rollup rivali basati su ZK che offrono solo una compatibilità parziale con gli EVM hanno faticato a conquistare quote di mercato.

“Mentre StarkWare ha lanciato il suo rollup zk universale, StarkNet, all’inizio dell’anno, la principale barriera all’ingresso è stata convincere gli sviluppatori a imparare Cairo, il nuovo linguaggio di programmazione di Starkware. Di conseguenza, StarkNet attualmente assicura [meno di] 1 milione di dollari di TVL”, ha dichiarato Crossley a The Defiant.

Crossley ha aggiunto che i rollup ottimistici sono “ostacolati dalla lentezza dei prelievi che di solito richiedono diversi giorni per essere regolati su L1 Ethereum”.

La competizione tra i team che lavorano sui rollup ZK si sta scaldando, con il cofondatore di Polygon, Mihailo Bjelic, che ha respinto le affermazioni dei rivali di Polygon sull’equivalenza degli EVM. Ha twittato che Scroll supporta solo una parte degli opcode e ha criticato la mancanza di codice open-source per zkSync 2.0 affermando “non sappiamo molto”.

Toghrul Maharramov, ricercatore senior di Scroll, ha replicato twittando che Polygon zkEVM non è uno zkEVM. “Ignorate il marketing, chiedete di vedere il codice”, ha detto.

Lo scorso agosto Polygon ha annunciato una svolta strategica e lo stanziamento di 1 miliardo di dollari per la ricerca e lo sviluppo di soluzioni di scaling a conoscenza zero. Nello stesso mese Polygon si è fusa con la soluzione di scaling ZK Hermez in un accordo del valore di 250 milioni di dollari, e il progetto è ora culminato con la pubblicazione di zkEVM.

A maggio Polygon ha anche presentato un rollup ibrido ZK e Optimistic in collaborazione con la società di servizi finanziari “big four” Ernst & Young e a marzo ha lanciato una soluzione di identità basata sulla tecnologia zero-knowledge.