Classifica E-commerce in Italia: aggiornamento di Novembre e nuovo sito Ecommerceitalia.info.

In occasione dell’avvio dei lavori per la 17° edizione della nuova ricerca “Ecommerce Italia”, che verrà presentata il 18 Aprile 2023 a Milano, Casaleggio Associati ha lanciato il nuovo sito Ecommerce Italia.info, che mira a diventare il punto di riferimento per le aziende ed i professionisti dell’ecommerce.

Queste le parole di Davide Casaleggio: “Con il lancio del nuovo sito Ecommerceitalia.info vogliamo costruire uno spazio originale di informazione e confronto per chi si occupa di vendita online.

Il nuovo brand “Ecommerce Italia” coinvolgerà tutte le iniziative che Casaleggio Associati realizza su questo tema, dalle ricerche, agli eventi, alle classifiche. Nei prossimi mesi il website di arricchirà di nuovi contenuti e dati, con l’obbiettivo di costruire durante il 2023 una vera e propria community di professionisti dell’ecommerce.”

Classifica Ecommerce aggiornata a Novembre 2022
La Classifica Ecommerce Italia di Casaleggio Associati, aggiornata ogni mese, è arrivata a contare un totale di 2.274 imprese che vendono online.

I 10 siti di ecommerce più popolari di questo mese sono i seguenti:
1. Amazon
2. eBay
3. Subito
4. Booking.com
5. Trenitalia
6. Ikea
7. Leroy Merlin
8. Mediaworld
9. UniEuro
10. Samsung

Rispetto all’ultimo aggiornamento le aziende presenti nella top ten restano le stesse, ma con una variazione nelle posizioni e la crescita di eBay, Ikea, Mediaworld e Unieuro:

E-commerce Ranking

TOP 100 ECOMMERCE IN ITALIA
Nel periodo appena precedente agli acquisti di Black Friday e Natale, Elettronica di consumo, Turismo, Marketplace e Moda si rconfermano i settori di appartenenza della maggior parte delle aziende presenti nella top 100.

Le 5 aziende che hanno guadagnato più posizioni durante l’ultimo mese sono state nell’ordine Docpeter.it, Bershka, ITA Airways, Maisons du Monde e Ticketmaster.

In un anno che ha visto numerosi cambiamenti e la chiusura di player molto conosciuti come Mediashopping è importante considerare che quasi un quarto dei 2.274 siti ecommerce presi in esame ha un traffico mensile che è stimato come inferiore alle 5.000 visite, rendendo molto difficoltoso il raggiungimento di un equilibrio tra investimenti, costi di gestione e ricavi.