Borsa, confermato rialzo di ieri.

426
La Borsa di Milano. ANSA / Massimo Lapenda

Confermano il rialzo dell’apertura le principali borse europee nella prima ora di scambi mentre prosegue il negoziato tra Russia e Ucraina a Istanbul (Turchia).

Parigi (+1,57%) guida la corsa insieme a Milano (Ftse Mb +1,4%), seguite da Madrid e Francoforte (+1,1%) entrambe), mentre appare più cauta Londra (+0,9%).

Accelera la piazza di Mosca (+3,58%) nel secondo giorno di apertura completa dopo il lungo fermo che si è protratto dallo scorso 24 febbraio. Risale a 153,9 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi, con il rendimento annuo dei titoli decennali in crescita di 6,7 punti al 2,169%. Salgono il greggio (Wti +0,59% a 106,54 dollari al barile) e il gas (+8,78% a 111,5 euro al MWh) a differenza dell’oro (-0,45% a 1.919,35 dollari l’oncia) e del nichel (-7,79% a 32.725 dollari la tonnellata).

Gli acquisti interessano tutti i settori a partire da quello petrolifero, con TotalEnergies (+1,85%), Shell ed Eni (+1,67% entrambe) a Bp (+1,17%). In luce i bancari Intesa (+2,52%), Unicredit (+2,38%), Bnp (+2,11%), Santander (+1,96%) e Standard Chartered (+1,79%), mentre scivola Barclays (-4,09%), dopo la cessione di azioni per 900 milioni di sterline eseguita da Goldman Sachs per conto di alcuni soci rilevanti, secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg, i cui nomi restano ancora segreti.

In luce anche il comparto auto con Volvo (+6,6%), Stellantis (+3,18%), Renault (+3,08%), Bmw (+2,28%), e Mercedes (+1,9%).

Segno meno per Tim (-0,74%) in controtendenza con i rivali Deutsche Telekom (+0,96%) e Telefonica (+0,7%). (ANSA).