Sanremo non fa eccezione quest’anno tra applicazioni di strass, eyeliner strepitosi, scomposte e morbide chiome, outfit scenografici e singolari trasparenze.

ll Teatro Dell’Ariston si sposa con il fashion delle nuove proposte e poi si contiene sulla linea morbida tra boccoli e volume tanto apprezzati anche dal pubblico e i vari settimanali muovendo critiche positive all’Iva Zanicchi dei nostri cuori come è stata definita dalla rassegna stampa.

Tanto amata nel suo stile di un tempo, oggi si afferma con il beauty look inaspettato curato dal suo personale Hair Stylist Andrea Campisi curatore di immagine e cultore della bellezza, un vero e proprio mentore del cambiamento dell’artista che ha vinto più volte il Festival di Sanremo e ne è padrona.

Unica donna con tre vittorie al festival: nel 1967 con NON PENSARE A ME, nel 1969
con ZINGARA, che resterà per sempre un cavallo di battaglia del suo repertorio e nel 1974 con CIAO CARA COME STAI?

Oggi si propone con VOGLIO AMARTI che a detta di qualche giornalista menziona un grande contenuto erotico ma ribattutto dall’artista “Non era un testo erotico”, ha aggiunto Iva Zanicchi, “è stata scritta da un grande autore e professore di italiano e questo Festival per me è stato meraviglioso. La prima sera non mi aspettavo la standing ovation, mi ripaga di tante tristezze e malinconie!”

Viviana Bazzani