Esh porta sulla passerella una modella sordocieca per la collezione I See.

0
755

Protagonista con la prima modella sordo/cieca della storia della moda, in occasione dell’apertura della settimana della moda di Milano da parte di Event SAVO, la collezione “I see” della designer Elvira Shipitsina consente a chiunque di parlare, essere visto e sentito, ed è evidente il potere ardente dell’amore. I vibranti colori rossi della collezione e il ricamo fatto a mano, accendono i disegni firmati di Esh da maglioni a maglia, provocandoti a vedere l’invisibile.

 

sulla marca

Esh by esh è un marchio di maglieria di lusso creato dalla designer Elvira Shipitsina che crea miscele di filati naturali di alta qualità che sottolineano la tua unicità.

Elvira ha iniziato a creare articoli di abbigliamento dalla sua infanzia. Sua madre stava cucendo professionalmente e i disegni di moda hanno ispirato la bambina a prendere forbici e aghi per creare qualcosa per se stessa. Più tardi, durante l’adolescenza, si allena con tecniche e attrezzature per maglieria professionale, al fine di creare qualcosa per te oggi. Elvira ha le basi per gli studi di psicologia – questa è un’altra ragione per cui ti senti così bene ad Esh grazie alla maglieria esh – applichiamo la conoscenza della psicologia del colore in ogni oggetto e ti leghiamo con empatia, cercando di sentire ogni nuovo maglione come la tua seconda pelle.

Il progetto Esh by esh – “That Red sweater” – è stato fondato per supportare i sordociechi per ogni maglione rosso venduto. Trasforma la maglieria in una filosofia di infinito filo dell’amore intrecciato nella tela della vita che tutti condividiamo.

parlare. essere visto. essere ascoltato.

Questa è la dichiarazione ufficiale di “I see” Esh di esh collection, presentata in occasione dell’apertura della settimana della moda di Milano da parte di Event SAVO. Questa è una chiamata per chiunquea ad ascoltare e vedere i problemi di altre persone e fare il primo passo semplicemente dicendo “Posso aiutarti?”. Questo è un incoraggiamento a tutti, con o senza ipovedenti e uditivi, ad avere voce nella società, ad essere notato e compreso. “Lascia che l’aiuto sia di moda” – riassume Elvira Shipitsina, designer e ideatore di Esh da parte del marchio di moda esh.

“I See” è quello che dicono quando ti capiscono. “Vedo” è ciò che una persona sordo-cieca può rivendicare anche perché non si vede con gli occhi, ma si può anche vedere con il cuore.

 

colori della collezione

Uno dei colori principali della collezione è il rosso. Perché l’amore è rosso. Perché non importa quale sia il colore della tua pelle, dei tuoi capelli o del tuo vestito, non importa se sei sordo-cieco o capace di vedere e sentire – c’è sangue rosso che fluttua in te. Perché il rosso è il colore che ti fa fermare e realizzare qualcosa. Perché il rosso è uno degli ultimi colori che vede una persona con la vista in fuga. Perché il rosso è il primo colore che hai iniziato a vedere quando sei nato. Perché il rosso è stato associato con l’aiuto e la sicurezza nel tempo – dalla Croce Rossa, dalla Lista Rossa ai semafori rossi quando attraversi la strada. Perché anche il bastone di una persona sordo-cieca sta avendo strisce rosse. È rosso, perché non conosciamo altro modo per rendere il mondo un posto migliore e farti riconoscere quanto è bello che tu possa VEDERE QUESTO.

“Il marchio Esh by esh nasce in un clima piuttosto freddo in Lettonia e ciò che abbiamo notato è che con l’inverno in arrivo i paesaggi urbani diventano neri e grigi, con le foglie che cadono dagli alberi e le persone si adattano alla natura, indossando abiti più scuri, rendendo il mondo visivamente noioso. Quindi abbiamo pensato che oltre a rendere le persone calde in questo periodo dell’anno, dovremmo anche renderle capaci di decorare il mondo con l’abbigliamento che indossano! Essere in grado di dare una chiamata all’azione, gioia e amore a coloro che li vedono “- condivide Elvira Shipitsina, la creatrice e designer dietro la collezione” I see “.

“L’amore è il regalo più grande che puoi dare a te stesso” – afferma Elvira – “quando ho lavorato sulla collezione ho improvvisamente capito che anche la persona che porta allegria ogni anno alla gente indossa anche … rosso! Chiunque può diventare il suo Babbo Natale, indossare il rosso e diventare l’ambasciatore del nostro progetto di moda sociale “.

 

 

È AMORE AGGIUNTO ALLA LISTA ROSSA?

“Vogliamo che l’amore, l’aiuto e la compassione non entrino mai nella Lista Rossa, non siano mai estinti dalla nostra vita quotidiana, non diventino mai una specie rara di espressione umana” – dice Elvira Shipitsina, creatrice e designer di Esh dal marchio di maglieria esh. Elvira crede che nel mondo della tehnolization e della turbolenza generale l’amore sia ciò che fa girare il mondo, mentre la moda e l’arte sono due fattori cruciali che contribuiscono a fermare l’aggressione e combattere l’odio.

 

sordocecità: il silenzio è d’oro?

La collezione presentata “I see” è ricca di altri simboli che non si notano a prima vista. Lievi accenti dorati rappresentano quindi il valore superiore dell’amore. “Nulla può avere più valore dell’amore” – afferma Elvira – “conosciamo un proverbio che dice che il silenzio è d’oro, ma nel caso di persone sordocieche il silenzio della comunità come l’ignoranza sta uccidendo. Se una persona sordo-cieca riceve cure, sostegno e istruzione adeguati, può vivere una vita piena. Conosco una persona sordocieca Sergey che ha ricevuto una laurea in medicina, ha partecipato attivamente a conferenze internazionali e ha dato un grande contributo alla scienza; e una ragazza sordocieca Alyona che è diventata un’attrice e ha girato il mondo con una bella esibizione sul mondo della sordità, ha anche imparato a pattinare e vivere una vita molto attiva e sociale. Ma, sfortunatamente, nella maggior parte dei casi le persone sordocieche restano chiuse a chiave a casa, spesso trascorrono giorni e anni in una stanza, ricevono cibo ed esistono in totale isolamento, oscurità, silenzio e solitudine. Si trovano seduti lunghi giorni nell’angolo della stanza, spesso con pensieri suicidi. Secondo le statistiche ci sono milioni di persone sordocieche in tutto il mondo, ma se contiamo quelle registrate nelle organizzazioni sordocieche ufficiali, ci sono zero mancanti da quel numero. Semplicemente non cercano aiuto, perché loro e le loro famiglie hanno paura di farlo. Crediamo che una persona sordo-cieca debba avere voce nella società, essere ascoltata, essere vista e parlare. Per dire questo abbiamo aggiunto elementi d’oro ai nostri disegni, per dire che il silenzio non è d’oro nel caso della sordocecità e che l’amore è di maggior valore “.

Ogni disegno dei maglioni presentati nella collezione “I see” racconta una storia, fatta di simboli in ogni piccolo dettaglio. Prima di tutto, la maglieria Esh richiede un sacco di lavoro fatto a mano, dalle cuciture fatte a mano alle tecniche di maglieria manuale e ai ricami fatti a mano. E le mani sono ciò con cui vivono le persone sordo-cieche. Dattilo linguaggio dei segni, scrivendo parole sui palmi delle altre, parola chiave Breile, una mano di sostegno di un assistente di vita – il mondo per una persona sordo-cieca è nel palmo della mano. Le spille ricamate simboleggiano la vista, le labbra rosse delle modelle tornano alla capacità di parlare, i paraorecchie floreali ricamati ci fanno pensare alla capacità di ascoltare, i fiori ricamati ci fanno capire che la cura e l’amore fanno sbocciare una persona, il tocco morbido cashmere della maglieria contrasta con la forza infinita e il potere che una persona può avere all’interno. E questo non riguarda solo la sordocecità, riguarda te, me e tutti.

LA MODELLA

Mireia Mendoza Bonnin, la prima modella sordo/cieca sulla passerella della settimana della moda, è nata sorda sull’isola di Maiorca. Attualmente, dopo essere stata operata e aver ricevuto un impianto cocleare, ha una capacità parziale di ascoltare e vedere, anche se sa che sta perdendo la vista giorno dopo giorno e che un giorno si sveglierà totalmente cieca. La retonisis pigmentaria è la malattia per la quale oggi la medicina non cura. Dicono che potrebbe essere persino più facile psicologicamente per quelle persone sordocieche che non hanno mai avuto la capacità di ascoltare e vedere, dato che semplicemente non sanno come stanno, di vivere con la costante consapevolezza che perderete tutto, nell’incertezza su quando questo accadrà. “La verità è che sono coraggiosa e felice, perché la vita vale la pena viverla, nonostante tutte le difficoltà” – dice Mireia. Ecco la sua storia di vita che ci ha raccontato:

“Sono nata sorda. Quando avevo 3 anni, ho iniziato a non vedere bene la sera a causa di una malattia chiamata retonisis pigmentaria. La sordità e la perdita della vista sono ciò che chiamano la sindrome di Usher. Essendo una bambina, non me ne ero ancora resa conto. Mi ricordo che all’età di 4 anni mia madre mi svegliò molto presto per portarmi all’ospedale pubblico per un impianto cocleare – ero spaventata non ho capito perché Prima del mio intervento, i miei nonni sono venuti a trovarmi e mio padre mi ha fatto delle foto. Dopo l’operazione mi sono svegliata e mi sono sentita a disagio per l’operazione, ma ero felice. Sono stata la prima ad essere operata a Maiorca. Dopo alcuni giorni, mi è stato dato un impianto cocleare e avevo paura, ma felice di essere in grado di ascoltare, imparare a parlare e fare molte altre cose. Sono andata dal logopedista fino all’età di 20 anni. All’età di 8 anni ho soggiornato per un pigiama party con mio fratello a casa di mia zia. Quella notte non mi sentivo bene e avevo molta sete. Ho chiamato mia zia per portarmi un po ‘d’acqua tutto il tempo. Il giorno dopo, quando sono tornata a casa, mia zia ha chiamato mia madre e mi ha raccontato cosa mi è successo quella notte – mia madre ha chiamato il centro di salute per scoprire cosa fare e il dottore ci ha detto di andare all’ospedale pubblico, dove hanno preso l’analisi da me. Il dottore disse che avevo il diabete. Quando me lo hanno detto io non sapevo cosa fosse. Le infermiere mi hanno iniettato glucosio e insulina. Tornando a casa, i miei genitori mi hanno spiegato che cos’è il diabete e mi hanno insegnato come usare l’insulina – da quando l’ho fatto da sola ho iniziato a sentirmi felice. Quando avevo 24 anni, il mio compagno una volta mi ha chiesto quale fosse la mia malattia agli occhi e non ne sapevo nulla, perché i miei genitori non me l’hanno mai spiegato. Il mio compagno e io cercammo le informazioni sulla retonisis pigmentaria e mi diede una ragione per cui voleva che andassi dal dottore pubblico. Sono andata all’oftalmologo per ottenere un check up ed è così che sono diventata membro dell’associazione ONCE e Balearic di persone con sordocecità (ABASOC) – per questo voglio ringraziare il mio partner, che mi ha supportato molto. La verità è che sono coraggiosa e felice, perché la vita vale la pena viverla, nonostante tutte le difficoltà ”

 

 “COMLABORATION” ROSSA

Quando abbiamo lavorato sul concetto della collezione, abbiamo capito che non dovremmo farlo da soli per dimostrare quanto è bello quando le persone si uniscono. Abbiamo quindi collaborato con TOOCHE, marchio di calzature e accessori artigianali, che ha creato per noi una collezione in edizione limitata nel suo laboratorio a Riga con materiali unici come feltro di lana, tessuto in tweed e pelle di ananas e pesce. TOOCHE valorizza l’auto-espressione delle persone e l’accettazione della loro vera natura. Attraverso i loro progetti luminosi, danno alle persone l’opportunità di connettersi con il loro vero sé e fare dichiarazioni audaci, essere brillanti e essere voi.

Entrambi i maglioni Esh e le scarpe TOOCHE rappresentano un comfort assoluto senza compromessi con la femminilità. “Dovresti sentirti a tuo agio con chi sei, non importa chi sei: una persona sordo-cieca o capace di vedere e sentire. La nostra collezione di maglieria e calzature alla fine confortevole è il simbolo di questo comfort attorno a te e agli altri “- afferma Elvira Shipitsina.

Volevamo andare ancora oltre dimostrando che fare insieme le cose è ciò che lo rende potente, così abbiamo collaborato con un’altra griffe di moda di Riga – No Name Atelier che ha creato bellissimi pantaloni cuciti per la nostra collezione. Siamo convinti che nella “collaborazione” della moda debba sostituire completamente la “concorrenza”, è ciò che chiamiamo “collaborazione”.

Era anche importante per noi dimostrare che l’amore non ha confini e rendere il nostro progetto davvero internazionale. Venendo dalla Lettonia, abbiamo anche collaborato con un’artista russa Ksenia Rogova che ha creato una collezione di fantastiche illustrazioni di moda che chiamano le persone a parlare, essere visti e sentirsi dire. Miscelazione di mani e tecniche digitali Ksenia crea arte destinata a dare un contributo sociale alla società. Attualmente stiamo lavorando al nostro nuovo progetto che presenta le opere di Ksenia sugli accessori che verranno vendute in tutto il mondo e raccoglierà fondi per il sostegno della comunità di persone sordo-cieche.

Infine, vorremmo ringraziare l’Associazione Balearic di persone con sordocecità (ABASOC) per aver reso il progetto ancora più internazionale, per il loro supporto nel trovare la modella e per aiutarla a prepararsi a diventare il prima modella sordo/cieca sulla passerella all’interno di un progetto realizzato dai marchi lettoni, dall’artista russo, dalla settimana della moda italiana e dalla società sordocieca spagnola.

 

cosa salverà il mondo? la moda e l’arte salveranno il mondo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here