Edilizia: gestione di rifiuti e di terre e rocce da scavo, due webinar della Camera di Commercio 1 e 14 dicembre.

183

I rifiuti provenienti dall’attività di demolizione e costruzione rappresentano quasi un terzo dei rifiuti prodotti in Europa. Quali sono gli adempimenti e gli strumenti a disposizione delle imprese edili per gestire al meglio gli scarti delle loro attività in un’ottica di transizione ecologica? Se ne parlerà, grazie alla presenza di esperti, durante due webinar gratuiti, organizzati dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi: “Rifiuti in edilizia: gli obiettivi della transizione ecologica”, giovedì 1° dicembre 2022, ore 10-12.15 e “Terre e rocce da scavo: la gestione in ambito edilizio”, mercoledì 14 dicembre, ore 10-13. I webinar rientrano nel servizio di assistenza specialistica rivolto alle imprese con sede legale o operativa nelle province di competenza della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, Enti e Amministrazioni pubbliche operanti nel territorio di competenza.

Per maggiori informazioni e iscrizioni: www.milomb.camcom.it/ambiente, ambiente@mi.camcom.it. http://servizionline.milomb.camcom.it/eventi/assistenza-specialistica-ambiente-ed-ecosostenibilita/25

 

I webinar in dettaglio

 

“Rifiuti in edilizia: gli obiettivi della transizione ecologica” – giovedì, 1° dicembre, ore 10-12.15

L’obiettivo del webinar è fornire informazioni complete ed armonizzate, nonché esempi utili agli operatori, sulle principali novità normative in materia di rifiuti da attività edilizia. I rifiuti provenienti dall’attività di demolizione e costruzione rappresentano quasi un terzo dei rifiuti prodotti in Europa, con ciò rendendo l’edilizia una delle attività più impattanti e meno sostenibili dal punto di vista ambientale. Il recente decreto MITE n.278 del 15 luglio 2022 stabilisce le condizioni alle quali gli scarti inerti dell’edilizia cessano di essere un rifiuto. L’incontro si propone quindi di illustrare i passaggi normativi ed evolutivi del concetto di rifiuto edile, partendo dalla sua definizione, ponendo particolare attenzione all’individuazione del soggetto responsabile, agli adempimenti gravanti su di esso, per toccare infine il tema del reimpiego del prodotto dell’attività edilizia nel medesimo settore, nell’ottica di un’economia circolare.

Programma

  • Introduzione normativa
  • Definizione di rifiuto edile e “end of waste”
  • Individuazione del soggetto responsabile, aspetti problematici
  • Adempimenti gravanti sul responsabile

 

Iscrizioni al webinar entro il 29 novembre 2022

“Terre e rocce da scavo: la gestione in ambito edilizio” – mercoledì, 14 dicembre, ore 10-13

L’obiettivo del webinar è fornire a coloro che lavorano nel campo degli scavi edili e nella gestione delle terre non rifiuto uno strumento base per operare correttamente e non incorrere nelle sanzioni. Negli scavi edili, ma anche in campo agricolo e di realizzazione giardini, un fattore importante è la corretta gestione delle Terre da Scavo non rifiuto ai sensi del DPR 120/17 e s.m.e.i. Lo stesso DPR 120/17 contempla anche l’ipotesi delle terre e rocce da scavo qualificate come rifiuti. Diviene dunque di fondamentale importanza possedere una corretta conoscenza dei diversi istituti per evitare che una gestione superficiale da parte degli operatori possa far incorrere nelle sanzioni amministrative e penali dovute alla non corretta gestione delle terre e rocce da scavo. Nel corso dell’incontro verranno forniti gli strumenti tecnici di base per poter operare correttamente al fine di evitare rischi ambientali ed aziendali, ma anche per cogliere alcune opportunità offerte dai CAM Edilizia, nonché per porre rimedio ad eventuali inosservanze della disciplina nazionale.

 

Programma

  • Il DPR 120/17 – Introduzione
  • Il DPR 120/17 – I Piccoli Cantieri
  • Il DPR 120/17 – I Grandi cantieri
  • Il DPR 120/17 – I Cantieri in VIA
  • Il DPR 120/17 – riutilizzo interno al cantiere
  • Il DPR 120/17 – Il numero di campioni e di analisi da fare
  • Il rapporto con gli Enti
  • Le opportunità ai fini CAM Edilizia come recentemente novellati
  • Gli aspetti sanzionatori ed i rimedi offerti dall’Ordinamento

 

Iscrizioni al webinar entro il 12 dicembre 2022