Musica Maestri, atmosfere romantiche per violoncello e pianoforte domenica 16 al Conservatorio.

0
117

MUSICA MAESTRI!

V Edizione 2019/2020

La stagione dei docenti del Verdi di Milano

e dei vincitori del Premio del Conservatorio 2019

 

Atmosfere romantiche

Un Romanticismo di raro ascolto quello che propongono per il nuovo appuntamento di Musica Maestri!, la rassegna dei docenti del Verdi di Milano, Luca Paccagnella al violoncello, docente di Quartetto e Musica d’insieme per archi proprio nell’Istituto milanese, e Francesco De Poli al pianoforte, cantante e collaboratore pianistico presso i Conservatori di Rovigo e di Adria.

In programma due pagine emblema del Romanticismo europeo, accomunate dalle dimensioni “ciclopiche” che le caratterizzano: la Sonata op. 19 per violoncello e pianoforte di Sergej Rachmaninov e la versione per lo stesso organico della Sonata in la maggiore di César Franck. Pagina accolta con entusiasmo dal pubblico in sala fin da suo primo apparire: si ricorda l’esecuzione al buio di Eugène Ysaÿe, dedicatario della Sonata, nell’originale per violino e pianoforte. Fonte di ispirazione – si narra – per Marcel Proust nella Recherche du temps perdu.

 

 

Domenica 16 febbraio

Sala Puccini ore 18.00

 

Atmosfere romantiche

 

Sergej Rachmaninov

(1873-1943)

Sonata in sol minor op. 19

 

César Franck

(1822-1890)

Sonata in la maggiore

 

Luca Paccagnella violoncello

Francesco De Poli pianoforte

 

 

Ingresso al concerto libero fino ad esaurimento dei posti disponibili

 

 

Luca Paccagnella. Docente di Quartetto e Musica d’insieme per archi al Conservatorio di Musica G. Verdi di Milano, è stato Direttore del Conservatorio F. Venezze di Rovigo dal 2004 al 2010. Guest Professor presso l’Università di Parigi, quella di Xiamen, la Hochschule di Mannheim, la Akademia di Varsavia, quelle di Lodtz e Wroclaw. Co-fondatore dell’Interensemble di Padova, gruppo che da più di trent’anni si dedica alla musica contemporanea. Con il Trio Esterhazy si è distinto ai Concorsi Internazionali di Toronto, Melbourne, Firenze, Trieste. Spicca il prestigioso Grand Prix al Concorso Musique de Chambre di Parigi 1990. Svolge attività in duo, trio e dal 1999 con il Paul Klee String Quartet. Ha partecipato ai maggiori festival internazionali e a stagioni concertistiche in tutto il mondo suonando nelle sale e nei teatri più prestigiosi. Dal 1996 affianca all’attività concertistica quella di direttore d’orchestra, dirigendo importanti opere di repertorio, balletti e “opera prima”. Ideatore e direttore artistico del progetto The Sound of Stone Architetture Sonore dal 2016 ha realizzato 300 recital a violoncello solo.

 

Francesco De Poli, diplomato in canto col massimo dei voti presso il Conservatorio di Musica F. Venezze di Rovigo, ha conseguito il diploma in pianoforte con il massimo dei voti e la lode sotto la guida del M° Paolo Ballarin. Ha inoltre conseguito il diploma di II livello in Musica vocale da camera, come cantante, presso lo stesso Conservatorio. Ha partecipato ad alcune masterclass pianistiche, tra cui quella tenuta dal M° Andrea Carcano presso il Castello del Seprio, Mozzate, e quella del M° Sven Birch presso il Conservatorio F. Venezze di Rovigo. Parallelamente all’attività vocale, svolge un’intensa attività come accompagnatore di strumentisti, cantanti e formazioni corali, o in formazioni cameristiche, in Italia e all’estero, in concerti e concorsi. Dal 2008 al 2010 è stato maestro collaboratore nel Master di canto lirico tenuto dal M° William Matteuzzi a Montefiore Conca. È stato allievo-maestro collaboratore alla Scuola dell’Opera Italiana del Teatro Comunale di Bologna, partecipando alle produzioni di Rondine, Rigoletto, La bohème, Madama Butterfly, De l’ombre eterne e a masterclass tenute da Maestri come Josè Cura, Fiorenza Cedolins, Paolo Coni, Ileana Cotrubas, Antonello Allemandi. Ha partecipato come pianista accompagnatore alla masterclass in Musica vocale da camera tenuta dal M° Jean-Pierre Armengaud a Rovigo. È stato maestro collaboratore principale nelle produzioni di La bohème e La traviata, dirette dal M° Massimo Taddia, e di Don Giovanni, diretta dal M° Daniele Agiman, presso il Teatro della Regina di Cattolica. Da sette anni è collaboratore pianistico al Conservatorio F. Venezze di Rovigo, da cinque al Conservatorio A. Buzzolla di Adria. Di recente realizzazione e uscita Starlight, recital di arie da salotto e songs in duo col soprano neozelandese Evelyne Ann Bourton, inciso per CatSound Records; La luna prigioniera, raccolta di Ninna-Nanne di autori e stili diversi in duo con il tenore William Matteuzzi, per Bongiovanni. È stato pianista collaboratore del corso di perfezionamento di canto del M° William Matteuzzi in occasione dell’85a, della 86a e della 87a edizione della Chigiana International Festival & Summer Academy. Per la stessa Accademia ha partecipato a concerti in collaborazione con gli Istituti di Cultura italiana e le Ambasciate di Bruxelles e Berlino. Dal novembre 2016 collabora come pianista preparatore con la Scuola dell’Opera del Teatro Comunale di Bologna.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here