Milano, è boom di universitari stranieri, affitti long stay +174%.

0
392
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

È boom a Milano del cosiddetto long stay, affitti oltre i 30 giorni e fino ai 18 mesi, scelto non soltanto dai viaggiatori business ma anche da studenti universitari e dottorandi internazionali che sempre più preferiscono il capoluogo meneghino come meta ideale per il loro anno di formazione in Italia: +174%, circa 160 immobili affittati per un turn over di oltre 5 milioni di euro.

Sono i dati inediti che l’Ufficio Studi di Italianway, start up dell’accoglienza diffusa fondata da Davide Scarantino e guidata da Marco Celani, ha estratto dalla piattaforma software proprietaria e che raccontano di un trend che vede Milano avvicinarsi a Roma e Firenze, destinazioni tradizionalmente predilette nell’immaginario degli studenti di tutto il mondo per il loro anno sabbatico in Italia.

report_2019_ITWmilano

Cresce da parte dei proprietari – spiega l’AD di Italianway Marco Celani la richiesta di affitti a medio termine a manager, ricercatori e studenti universitari stranieri con alta capacità di spesa, per questo abbiamo chiuso partnership strategiche con oltre trenta OTA specializzate su questi segmenti di incoming. Solitamente gli universitari ci chiedono trilo e quadrilocali, mentre i dottorandi e gli studenti di Master preferiscono bilocali: tutti vogliono WiFi efficace, frigorifero grande, utenze incluse e possibilmente il servizio di portierato, considerato ancora all’estero garanzia di maggior sicurezza. Apprezzano tantissimo la possibilità di farsi recapitare dalle famiglie pacchi e materiali vari presso i nostri Welcome Point dislocati nei punti strategici della città, frequentano prevalentemente Bocconi, Marangoni, Cattolica e Naba e le aree che più ci richiedono per la loro permanenza a Milano sono Navigli, P.ta Genova, Centro Storico & Turati (soprattutto Marangoni), Brera, Garibaldi, Cadorna”.

Da dove arrivano ricercatori e studenti? Spiega ancora Celani: “Arrivano soprattutto da America, Australia, Cina, Russia, UK, Svezia, Francia, Svizzera ma anche India e Malta”.

IDENTIKIT VIAGGIATORI ACCOLTI A MILANO DA ITALIANWAY NEL 2019

Complessivamente, tra long stay ed il più conosciuto short term (ovvero affitti a medio e breve termine) sono 119mila le notti vendute a Milano nel 2019 da Italianway a quasi 40mila viaggiatori di tutto il mondo (esattamente 38.754) accolti negli oltre 500 appartamenti gestiti dall’azienda nel capoluogo meneghino.

 

Si tratta di viaggiatori con età media 38 anni, con le donne leggermente più giovani degli uomini (37 a 39 anni) ed una proporzione sostanzialmente identica (51% a 49%) a favore degli uomini.

 

LE CINQUE NAZIONALITÀ PIÙ RAPPRESENTATE E CHI SPENDE DI PIÙ

I viaggiatori Italianway accolti nel 2019 da Italianway a Milano provengono da ben 160 Paesi, il loro soggiorno dura mediamente 5 giorni e fa registrare una spesa media di 540 euro: gli ospiti stranieri rappresentano la maggioranza con il 56%. Nelle prime posizioni ci sono i Russi (6,3%), età media 35 anni con spesa media per soggiorno 457euro, i Francesi (3,8%), gli Americani (3,7%) e i Britannici (3,2%), con età media 37 anni e spesa media per soggiorno di 647euro.

 

FOCUS VIAGGIATORI CHE ITALIANWAY HA PORTATO A MILANO NEL 2019 CON LA FORMULA DELL’AFFITTO A MEDIO TERMINE

Le notti vendute a medio termine nel 2019 dalla start up prop-tech, che per il secondo anno consecutivo si è aggiudicata il Certificato di eccellenza dalla Commissione Europea che riconosce il suo progetto di sviluppo tra i migliori 400 a livello europeo, sono 54.600 suddivise tra 800 ospiti provenienti da 34 nazioni. Mediamente questi ospiti si fermano 81 giorni e spendono 103,51 euro per notte.

 

Invece gli Italiani che hanno scelto appartamenti Italianway per il loro soggiorno a medio termine nel 2019 a Milano hanno prenotato oltre 15 mila notti e sono pari al 27,74% delle presenze. A seguire in ordine decrescente viaggiatori provenienti dalla Cina (8574 notti, 15,71% del totale), Gran Bretagna (4021 notti, 7,37%), Russia (2960 notti, 5,42%), Svezia (2207 notti, 4,05%), Spagna (1900 notti, 3,48%), Croazia (1870 notti , 3,43%), India (1798 notti, 3,29%), Kuwait (1607 notti, 2,94%), USA (1232 notti, 2,26%) e Francia (1218 notti, 2,23%).

 

L’età media degli ospiti Italianway che nel 2019 hanno optato per il medio termine è pari a 36 anni, con le donne più giovani degli uomini (32 a 39) ed una proporzione di 53% a 47% a favore degli uomini. I più giovani sono gli Australiani con una età media di 22 anni.

 

L’IMPOSTA DI SOGGIORNO VERSATA AL COMUNE DI MILANO 

Nel 2019 Italianway ha raccolto a Milano, relativamente al segmento degli affitti a breve termine, 262.186,21 euro di imposta di soggiorno, a fronte dei 277.642 mila euro versati nel 2018 (importo leggermente più basso per via del boom degli affitti a medio termine, registrato nel 2019, per i quali l’imposta di soggiorno non è dovuta) e dei 160mila versati nel 2017.

La formula dell’affitto a medio termine, il cosiddetto long stay, è un regime che attribuisce al proprietario l’onere di fare il suo dovere di contribuente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here