Scalo Milano, partnership con Triennale.

344

Scalo Milano Outlet & More, l’Outlet a 15 minuti dal centro di Milano, in qualità di Education Partner, annuncia la sua partecipazione alla 23ª Esposizione Internazionale di Triennale Milano, dal titolo “Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries. Quello che non sappiamo di non sapere”.

 

L’accordo tra l’istituzione culturale e l’Outlet meneghino nasce da un obiettivo congiunto: promuovere formazione e cultura, ricerca, inclusività e allargamento dei pubblici attraverso un dialogo costante con le Associazioni e gli enti del terzo settore che operano anche nelle aree periferiche della città di Milano.

Scalo Milano Outlet & More sceglie di avvicinarsi ad artisti, designer e architetti, curatori, scuole, istituzioni culturali e museali per ampliare la propria natura di luogo di shopping valorizzando esperienze e riflessioni utili al territorio in cui opera.

Partendo da prospettive differenti, Scalo Milano Outlet & More, con Triennale Milano, si pone l’obiettivo di produrre innovazione riunendo culture e background diversi.

 

Portato avanti nel corso dell’estate 2021, Summer Escape, Campus estivi è il Progetto apripista dell’accordo giunto alla seconda edizione, che ha permesso a oltre 100 bambini di partecipare ad attività formative e didattiche organizzate all’interno di Triennale Milano.

 

Dopo il successo dello scorso anno, il sodalizio tra Triennale Milano e Scalo Milano Outlet & More diventa sempre più incisivo, complice la comunione di intenti che vede entrambe le realtà impegnate in uno scambio proficuo con la città di Milano e con le sue eterogenee comunità. È questo il ruolo che riveste Scalo Milano Outlet & More come Education Partner della 23ª Esposizione Internazionale. Concepito come uno spazio di dibattito e confronto aperto e plurale, dove possano convergere esperienze, culture e prospettive differenti, Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries cercherà di rispondere a una serie di domande su quello che ancora “non sappiamo di non sapere” in diversi ambiti: dall’evoluzione della città agli oceani, dalla genetica all’astrofisica. Un’esperienza profonda che, coinvolgendo designer, architetti, artisti, drammaturghi e musicisti, darà la possibilità di rovesciare la nostra idea di mondo.

 

A questo proposito, Scalo Milano Outlet & More si impegna ad amplificare e rendere accessibile a tutti i contenuti dell’Esposizione Internazionale, agendo da facilitatore e rivolgendosi alle giovani generazioni. In particolare, l’apertura della mostra è stata preceduta dal progetto UU – In viaggio verso Unknown Unknowns, un percorso interdisciplinare che ha coinvolto 150 docenti e oltre 3000 studenti delle scuole primarie e secondarie di Milano che, grazie al contributo di esperti internazionali, hanno affrontato i temi dell’Educazione alla Cittadinanza in un dialogo costante tra centro e punti periferici della città.

 

A seguito di questa iniziativa, Scalo Milano Outlet & More concretizza la sua missione annunciando, per il secondo anno consecutivo, una nuova edizione dei Campus estivi presso Triennale Milano, i quali permetteranno ad alcuni gruppi di bambini in condizioni di fragilità sociale di fruire gratuitamente di laboratori e seminari. Un progetto concreto che contribuisce ad attenuare il divario sociale, agevolando l’accesso alla cultura a contesti più svantaggiati. Oltre ai Campus estivi, l’accordo prevede visite guidate che si svolgeranno a cadenza mensile presso gli spazi di Triennale Milano e laboratori didattici rivolti a famiglie e bambini, in condizioni di fragilità, residenti nelle aree periferiche della città.

 

Siamo orgogliosi di annunciare la nostra partnership con Triennale Milano, istituzione internazionale e vanto per l’intera città di Milano, nell’ambito della 23ª Esposizione Internazionale. Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries di cui siamo Education Partner, dichiara Davide Lardera, Amministratore Delegato di Scalo Milano Outlet & More. “Abbiamo più volte dimostrato quanto e come una realtà come la nostra debba rivolgersi a tutti i pubblici e agire da facilitatore per consentire a tutti l’accesso alla cultura e alla formazione di prima qualità, offrendo anche ai minori in condizione di fragilità sociale occasioni di crescita interpersonale, scambio e arricchimento. Siamo felici di proseguire questo percorso con Triennale Milano, per collaborare insieme, mettendo in comune forze, energie e conoscenze a supporto di questa magnifica città. Non da ultimo, sostenere un progetto che coinvolge oltre 40 paesi è motivo di orgoglio”.