Quarto weekend per il Festival delle Fotografia Etica a Lodi.

0
126

A Lodi sta per iniziare il quarto weekend del Festival della Fotografia Etica.
I weekend da poco trascorsi hanno registrato un’ottima affluenza nonostante il tempo non sempre amico e i contingentamenti, confermando la bontà di un appuntamento pensato per i visitatori.
Le molte mostre all’aperto, hanno favorito una libera fruizione e un legame autentico, profondo, con la città e i suoi spazi che hanno accolto le mostre di molti grandi fotografi internazionali.

Tra gli appuntamenti che segnaliamo alle soglie di questo weekend, sicuramente la presenza del fotografo Antonio Faccilongo che guiderà alcuni brevi incontri alla sua mostra sia sabato che domenica. Il suo lavoro, Amore Mio (a Palazzo Modignani), racconta in modo singolarissimo le conseguenze della crisi palestinese sulle famiglie attraverso la storia delle mogli dei prigionieri.
Faccilongo ha vinto il FotoEvidence Book Award edizione 2020, prestigioso premio organizzato in collaborazione con il World Press Photo che premia ogni anno un fotografo che dimostra, attraverso un lavoro fotografico, coraggio e impegno nella difesa dei diritti umani. Il progetto prevede la pubblicazione del libro, che è in vendita al Festival nel bookshop di Palazzo Barni.

Da non perdere nemmeno gli scatti di Anthony Wallace, le cui foto sono esposte nella mostra “Hong Kong: Visioni contrastanti”. Wallace ha vinto la sezione “Public’s choice award” nella 27esima edizione del prestigioso premio Bayeux Calvados-Normandia, Premio per i corrispondenti di guerra.

Passeggiando per la città di Lodi, sicuramente molti noteranno dei manifesti particolari in cui arte e grafica si fondono. Autori di questi manifesti è il gruppo AMPLIFIER, un laboratorio di progettazione che attraverso l’arte si pone l’obiettivo di amplificare le voci di quei movimenti che partono dal basso. Lavora con una comunità di partner per il cambiamento sociale, sia nel mondo profit che in quello no-profit, per costruire simboli, linguaggi e strategie di distribuzione che possono cambiare la narrativa nazionale.
Amplifier è stata fondata da Aaron Huey, fotografo del National Geographic ed uno dei suoi artisti più noti è Shepard Fairey, creatore e fondatore di Obey Clothing e Obey Giant. È conosciuto per il suo poster “Hope” che raffigura Barack Obama, creato per le elezioni presidenziali del 2008.

Continuano poi le visite guidate da parte degli organizzatori del Festival consueto in presenza, ma anche online.

Ma Festival poi non finisce con le mostre, ma prosegue con contenuti multimediali.
Con l’app Videotag è possibile accedere a contenuti, interviste visite guidate e materiali quali didascalie e testi introduttivi per meglio fruire dei contenuti delle mostre o rivederli anche una volta finita la visita, comodamente da casa. Scaricando l’app e attivando gli alert si viene avvisati dei nuovi contenuti caricati e disponibili settimana dopo settimana.

Info: www.festivaldellafotografiaetica.it

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here