Covivio presenta Wellio Duomo: il secondo sito milanese del network di pro-working del Gruppo.

148

In un immobile storico di circa 5.000 mq di proprietà di Covivio, all’angolo tra via Torino e via dell’Unione, a pochi passi dal Duomo da cui prende il nome, è stato presentato oggi alla stampa il secondo sito Wellio a Milano, il nono in Europa.

A conferma del successo del concept Wellio, presente a Milano dall’agosto 2020 con il primo sito di via Dante, Wellio Duomo ha registrato la full occupancy a solo un mese dall’apertura. Un risultato che è stato possibile raggiungere grazie alla location strategica e al prestigio dell’immobile, ma soprattutto grazie alla versatilità del format, capace di attrarre sia grandi corporate consolidate sia start up e realtà innovative e in rapida espansione.

Wellio non offre solo spazi e servizi, ma anche un supporto consulenziale completo accompagnando i suoi clienti nelle loro strategie immobiliari: un approccio distintivo adottato a livello Europeo dal Gruppo.

I nuovi spazi in Wellio Duomo ospitano aziende di primario standing quali E.ON, uno dei principali operatori energetici internazionali presenti sul mercato italiano, Viceversa, fintech che ha lanciato una nuova idea di funding basato sulla trasparenza e l’uso della tecnologia per supportare le aziende in un percorso di crescita etico e sostenibile, e Iziwork, job tech Italo-Francese in forte espansione.

Alexei Dal Pastro, Amministratore Delegato Italia di Covivio, ha dichiarato: “Con Wellio Covivio ha saputo intercettare in maniera lungimirante i processi di trasformazione del modo di lavorare offrendo flessibilità, servizi premium e possibilità di condividere idee e competenze. L’affidabilità di un interlocutore unico e di grande esperienza come Covivio ha sicuramente rappresentato un valore aggiunto per i clienti che hanno scelto la nostra offertaWellio.”

“La flessibilità dello spazio di lavoro risulta ad oggi fondamentale anche per una grande realtà come E.ON. Usufruire di ambienti moderni, tecnologici, economicamente sostenibili e modulabili in base al variare delle esigenze dell’organizzazione comporta un grande vantaggio, anche dal punto di vista ambientale. Gli uffici di Wellio rispondono alle necessità di E.ON di proporre ai propri dipendenti un luogo di lavoro piacevole e stimolante. La posizione del building, centralissima, consente, inoltre, di essere facilmente raggiungibile con diversi mezzi del trasporto pubblico limitando, così, l’uso dell’auto privata. Per noi di E.ON sarà un vero piacere condividere gli spazi con altre realtà di differenti settori anche al fine di favorire il confronto e il sorgere di nuove idee”, ha affermato Christian Zaum, CFO di E.ON Italia.

“Wellio è un ottimo partner per Viceversa! Gli spazi di lavoro sono flessibili e, grazie alle numerose aree comuni caratterizzate da un’atmosfera rilassata, le nostre persone possono godere di un ambiente privo di stress.

 

Inoltre, lavorare in Wellio ha un impatto positivo sulla motivazione del nostro team: condividiamo spazi che promuovono la creatività e la collaborazione in un’atmosfera smart dove tutti intorno a noi lavorano duramente per produrre grandi idee”, ha dichiarato Pedro Salvi, CFO & Co-founder di Viceversa.

Recentemente riqualificato con progetto architettonico firmato da Onsitestudio, Wellio Duomo offre 500 postazioni di lavoro personalizzabili e flessibili, sale meeting e spazi comuni (quali phone booth, aree break e salette per riunioni informali), un’area bar al terzo piano con terrazza e un sistema integrato di salotti verdi la cui massima espressione è rappresentata da un rooftop di 500 mq con vista sul Duomo e sui tetti del centro storico.

Il progetto di interior design, curato da DWA Design Studio, riporta nei suoi spazi interni i tratti caratteristici dei monumenti del centro storico ammirabili dal rooftop e dalle terrazze, dalle grandi vetrate dello scalone storico principale e dalle finestre dell’edificio: la chiesa di Santa Maria presso San Satiro del Bramante, la cupola del tempio laico di San Sebastiano di Pellegrino Tibaldi, il Duomo, la sommità della Galleria Vittorio Emanuele, la Torre Velasca.

L’immobile, che ha già ottenuto la certificazione WiredScore Gold per la sua connettività digitale e l’avanguardia tecnologica, punta a ottenere anche le certificazioni Leed Gold e Well Gold.