“In questo periodo si chiede ai teatri di essere presenti nel sentimento e nella partecipazione agli eventi funesti in atto, e in particolare al conflitto Russo-Ucraino.

 

Anche il pensiero di MTM Manifatture Teatrali Milanesi è rivolto alle sofferenze del popolo ucraino e alle sofferenze di tutti popoli che sono causate dalle guerre e vogliamo testimoniare il nostro sentimento di solidarietà e di vicinanza a tutti coloro che vivono le conseguenze di un conflitto”.

Antonio Syxty

Tutte le sere al Teatro Leonardo e in Sala Cavallerizza prima di ogni inizio spettacolo, verrà tramessa in audio la poesia Fraterna epistola di Taras Hryhorovyč Ševčenko, letta da Antonio Syxty.

 

Taras Hryhorovyč Ševčenko è stato un poeta, scrittore, umanista e pittore ucraino.

 

“Ai defunti, ai viventi, ai non ancora nati, ai miei compatrioti tutti, in Ucraina e fuori dell’Ucraina.

«Se uno dice: “Io amo Dio”, ma odia suo fratello, è bugiardo;»

Giovanni 4,20-21

 

“Il Sole va calando e giunge il crepuscolo,

è la parabola dell’esistenza; E il popolo stanco, come ogni creatura nel sonno si rifugia; Io solo mi dolgo come un maledetto dalla prima all’ultima ora, nell’abbraccio tra il giorno e la notte senza che nessuno si accorga; nessuno vede, nessuno sente, incapaci d’ascolto, gli uomini barattano catene e verità a proprio interesse, così commettendo infamia innanzi allo sguardo dell’Altissimo; imbrigliano, soggiogano, gettano nei terreni le sementi del demonio… Domando allora, quali frutti germoglieranno?

 

Presto vedremo il raccolto!

Redimetevi, ottusi figli della follia!

Osservate la vostra Patria, pacifica Ucraina;

 

Lasciate che i vostri cuori, traboccanti amor sincero, si sollevino dalle rovine!

Spezzate le catene, nell’amore unitevi

e non volgete lo sguardo oltre il confine… Nella vostra dimora, troverete giustizia, potenza e libertà!

Non esiste altra Ucraina,

né altro Dnipro”

 

Vyuny, 14 dicembre 1845