Bottene presenta WeGlad

80

L’assessore Francesco Bottene, Assessore al Rilancio Economico delle Attività e delle Imprese al comune di Abbiategrasso, ha deciso di mettere in campo la propria professionalità per sostenere un’importante progetto che ha come destinatari persone con disabilità.

Si tratta di un App innovativa, WeGlad, creata da due giovani torinesi, Petru Capatina e Paolo Bottiglieri, ideata per facilitare la mobilità e l’autonomia di persone con difficoltà e disabilità motorie, L’obiettivo è quello di raccogliere dati sull’accessibilità di strade e locali per creare la prima mappa interattiva globale, che tramite intelligenza artificiale mostri sia il percorso migliore in termini di accessibilità, sia i posti più adatti in base alle proprie esigenze.

E’ un app “Aperta” ovvero accessibile a tutti proprio perché tutti possono dare un contributo fornendo informazioni geolocalizate sulle condizioni stradali e sull’accessibilità di locali. È “Social” perché gli utenti possono interagire tra di loro o in gruppi, condividere e recensire locali, chiedere aiuto o rispondere a domande poste dalla community.  Infine, è “Navigator” perché guida gli utenti da un punto A a un punto B attraverso i percorsi più accessibili e personalizzati.

Gli ideatori utilizzano un modello di business che si basa su Corporate Social Responsibility e ESG, dove con il loro servizio di “Mappathon” fanno gareggiare i dipendenti e stakeholder facendoli mappare mentre si muovono creando dati brandizzati dall’azienda partner.

Stanno attualmente testando il modello su Milano con Esselunga, Inditex, Pam, Bennet, Kasanova e Carrefour.

L’assessore Francesco Bottene darà voce e sostegno a questo progetto a vocazione sociale con lo scopo, non solo di sensibilizzare l’opinione pubblica in merito a problematiche di vita quotidiana di numerose persone meno fortunate o in momentanea difficoltà, ma anche di attivare interventi e soluzioni efficaci per eliminare le barriere architettoniche affinché la città possa essere vissuta da tutti, senza esclusioni.

In Italia, ricordiamo, le persone con disabilità sono circa 3 milioni.